Omicidio a Pomezia, arrestato un 19enne. Anziana colpita a pugni e strangolata

Vittima la madre della compagna del padre del ragazzo che interrogato presso la Procura della Repubblica di Velletri ha ammesso le proprie responsabilità

Omicidio a Pomezia dove è stata uccisa una donna di 76 anni. I fatti nella mattinata di ieri in località Torvaianica, nella zona Martin Pescatore. Ad essere arrestato un giovane di 19 anni, accusato del delitto della madre della compagna del padre. L’omicidio è avvenuto in via dei Gemelli dove i carabinieri sono intervenuti in una villetta; qui da settembre il ragazzo, Christian Guerra, viveva con il padre, un 59enne, la compagna di 54 anni e la madre della donna, la vittima Rosa Nasoni. 

A fare la macabra scoperta è stato il 59enne che poi ha allertato i carabinieri. L'uomo dopo essersi alzato per andare a lavoro ha trovato il corpo senza vita della donna sul letto: l'anziana aveva del sangue causato da una ferita sul viso; il 19enne era ancora seduto vicino a lei. Dai primi accertamenti dei carabinieri, che hanno raccolto le diverse versioni dei presenti, è emerso che il giovane aveva gli abiti sporchi di tracce ematiche e, sulla terza nocca della mano destra, presentava una ferita per gli investigatori potenzialmente compatibile con le lesioni subite dalla 76enne.

Secondo una prima ricostruzione, il 19enne avrebbe ucciso la donna nel sonno: prima l'ha colpita con dei pugni al volto, poi l'ha strangolata a mani nude. Il ragazzo è stato arrestato per omicidio volontario e portato nel carcere di Velletri. Interrogato presso la Procura della Repubblica di Velletri, ha ammesso le proprie responsabilità in merito all’accaduto. "Non lo so perché l'ho fatto, qualcuno mi ha detto di fare così. Ho sentito di doverla uccidere", ha detto ai militari dell'Arma.

Sono in corso comuqnue ulteriori indagini per capire le esatte motivazioni del gesto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Preso con 30 chili di droga confessa al giudice: "La trasportavo per conto di altre persone"

  • Aggressione ai paparazzi a Ponza, Belen e Stefano De Martino accusati di rapina

  • Si tuffa in mare per sfuggire ai carabinieri, nascondeva cocaina ed eroina. Arrestata

  • Cisterna, caseificio chiuso dal Nas continua a produrre mozzarelle: denunciato il titolare

  • Processo Arpalo, in una pen drive le prove del riciclaggio di denaro di Maietta e soci

Torna su
LatinaToday è in caricamento