Operazione Touch Down, si apre il processo: la Provincia si costituisce parte civile

L'udienza del processo che si celebra con rito immediato è stata aggiornata al prossimo 13 giugno

Si è aperto in tribunale il processo scaturito dall’operazione Touch Down, che aveva portato agli arresti 17 persone per un giro di appalti pubblici e tangenti al Comune di Cisterna. L’udienza è stata però aggiornata al prossimo 13 giugno.

La Provincia di Latina si è costituita parte civile contro gli imprenditori Stefano Ettorre, Alvaro Mastrantoni ed Enrico Baccari. In caso di condanna chiederà un risarcimento di un milione di euro. A processo, che si celebra con rito immediato, ci sono Filippo Frezza, Marco Muzzupappa, Alvaro Mastrantoni, Danilo Martelli, Mauro Di Stefano, Enrico Baccari, Stefano Ettorre, Pierluigi Ianiri e Andrea Caiazzo.

Tutti hanno chiesto la revoca della misura cautelare disposta dal gip. Sulla richiesta il giudice si è riservato. Gli altri indagati dell’inchiesta avevano già scelto riti alternativi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

Torna su
LatinaToday è in caricamento