Auto in doppia fila, multato inveisce contro i vigili e scappa. Fermato dopo l’inseguimento

E’ accaduto in pieno centro a Formia: l’uomo bloccato dopo aver tentato anche di scappare a piedi. Il Comune ringrazia pubblicamente la Polizia Locale e i Carabinieri

Parcheggia in doppia fila, contesta la multa ed inveisce contro i vigili urbani, poi la fuga l’inseguimento: tardo pomeriggio movimentato quello di ieri, martedì 24 luglio, in pieno centro a Formia

Durante un controllo della sosta della Polizia Municipale in piazza Mattei, gli agenti in servizio hanno individuato un'auto in doppia fila; dopo aver più volte fischiato per segnalare al proprietario la necessità di spostare la macchina, e dopo l’inascoltato avvertimento hanno proceduto con la contravvenzione. 

E’ a questo punto, spiega il Comune di Formia che ha ricostruito quanto accaduto, che il proprietario dell’auto è uscito da uno dei bar vicini dirigendosi verso i vigili urbani contro dei quali ha inveito chiedendo spiegazioni. “I vigili con calma hanno fatto presente all'uomo che la contravvenzione era stata scritta in quanto la macchina era in doppia fila e loro avevano più volte provato ad avvisare tramite fischietto. L’uomo - prosegue il Comune - non ha accettato le spiegazioni e ha continuato ad inveire, solo a questo punto gli agenti in servizio hanno chiesto i documenti all’uomo il quale è entrato in macchina ed è scappato”. 

Ne è nato così un inseguimento con l’uomo che è fuggito, percorrendo le strade anche in senso contrario, nei pressi della Chiesa Del Carmine per poi lasciare l’auto in via Rubino scappando a piedi. I vigili urbani coadiuvati da una pattuglia di carabinieri giunti a supporto sono poi riusciti ad individuarlo e a fermarlo

“L’amministrazione - conclude il Comune di Formia - ha voluto informare i cittadini dell'accaduto per tranquillizzare tutti e avvisare del fermo ma anche per ringraziare pubblicamente gli agenti della Polizia Municipale per l’ottimo lavoro svolto, e i Carabinieri giunti a supporto”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento