Multipiano di Latina Scalo, Porcari: “Rendiamo gratuito il servizio”

Si riaccende la polemica sul parcheggio a pagamento nei pressi della stazione. Il consigliere del Pd: "Ci sono tutte le condizioni perché l'amministrazione risolva il contratto con Urbania"

Il multipiano di Latina Scalo

La polemica era stata accesa il mese scorso dalle parole di Andrea Gainsanti, presidente dell’associazione Libere Idee, intervenuto sulla promessa mancata da parte del Comune di abbassare le troppo esose tariffe dei parcheggi del multipiano di Latina Scalo – che ricordiamo essere di un euro l’ora e di 8 euro per tutta la giornata -.

Ora a distanza di un ulteriore mese le cose non sono ancora cambiate e questa volta ad entrare a gamba tesa sull’amministrazione è Fabrizio Porcari, consigliere comunale per il Pd. “Il parcheggio multipiano della stazione ferroviaria di Latina è stato interamente finanziato dalla passata giunta regionale del Lazio, il comune si è ritrovato un’infrastruttura a costo zero e invece di concederla ai pendolari allo stesso costo ha deciso di applicare delle tariffe spropositate”.

IL BANDO - Proprio intorno a questa questione ruoterebbe tutto il problema per il consigliere che denuncia anche le incoerenze della maggioranza: “Il centro destra si è sempre fatto scudo del fatto che era stato indetto un bando pubblico e quindi non si potevano modificare quelle condizioni per almeno 5 anni, ossia la durata dell’affidamento. Adesso vorrebbero modificare le condizioni di quel bando, abbassando finalmente le tariffe, e togliendo la videosorveglianza nella fascia oraria diurna per lasciarla solo nelle ore notturne. Ma per legge non si possono cambiare le condizioni di un bando, che prevedeva la sorveglianza h24, a cui hanno partecipato anche altre società”. Ora, secondo il Pd, è giunto il momento di cambiare le cose in favore dei cittadini. Urbania, come succede anche per le strisce blu del centro e del mare, continua a non rispettare i termini contrattuali non orando le penali previste dallo stesso accordo, creando così i presupposti per permettere all’amministrazione di impugnare il contenzioso con la società.

PARCHEGGIO GRATUTITO - Risultato? La rescissione del contratto con Urbania e rendere il servizio gratuito; azione doverosa per diversi motivi.  “Il parcheggio multipiano deve essere gratuito per 3 ordini di motivi – commenta Fabrizio Porcari -. Chi usufruisce di quel parcheggio non lo fa per svago, come può essere la passeggiata in centro per lo shopping, ma perché va a lavorare o a studiare a Roma; in secondo luogo, il parcheggio perchè il parcheggio ha una videosorveglianza ma non ha un’assicurazione. Quindi se si dovessero verificare degli atti vandalici in cui i responsabili hanno il volto coperto i danni ai veicoli non sarebbero ripagati; e infine la sicurezza alla stazione non deve essere pagata dai pendolari ma deve essere garantita dalle autorità. E’ assurdo – rincara Porcari - come un capoluogo di provincia come Latina non abbia una postazione Polfer all’interno della stazione e la sicurezza di tutta la zona sia delegata ai soli Carabinieri e vigili Urbani delle stazioni di Latina Scalo".

A questo punto dal Pd fanno sapere che sarà immediatamente presentata una mozione in consiglio comunale dove si richiederà al sindaco di avviare tutte le procedure necessarie per aprire un contenzioso con Urbania per la rescissione del contratto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Trovato con cocaina e hascisc ammette tutto: "Dovevo pagare debiti di droga"

Torna su
LatinaToday è in caricamento