Pestaggio al Carrefour, Ciaravino si presenta in Questura: rimandato a casa

E' ufficialmente solo indagato a piede libero per l'aggressione al supermercato del Piccarello. A suo carico nessun provvedimento di arresto

Si è presentato questa mattina alle 8,30 in Questura Matteo Ciaravino identificato come uno dei responsabili dell'aggressione avvenuta domenica pomeriggio al supermercato Carrefour del Piccarello. Ciaravino era accompagnato dal suo legale, l'avvocato Francesco Vasaturo, e si è presentato per fornire chiarimenti.

A suo carico però non è stato emesso nessun provvedimento di arresto e dunque il 29enne di Latina è stato rimandato a casa. L'avvocato Vasaturo spiega che Ciaravino è stato solo identificato e formalmente indagato a piede libero per il pestaggio. Terminate le operazioni di rito, intorno alle 9,30 era già uscito dalla Questura. C'è un video delle telecamere di sorveglianza interne all'esercizio commerciale che ha immortalato tutta la scena dell'aggressione e che gli investigatori della Squadra Mobile di Latina stanno vagliando, ma il giudice non ha ritenuto di emettere a suo carico un provvedimento. 

Ciaravino era stato condannato con sentenza definitiva per l'omicidio di Matteo Vaccaro. Insieme a lui, nel supermercato, c'era anche Roberto Ciarelli, appartenente al clan rom del capoluogo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento