Pestaggio al Carrefour, il Riesame conferma gli arresti per Ciaravino e Valentina Ciarelli

Il tribunale della Libertà ha respinto i ricorsi di due degli arrestati. Roberto Ciarelli si era costituito in carcere a Pescara

Il tribunale del Riesame ha confermato le misure cautelari per Matteo Ciaravino e Valentina Ciarelli, due dei tre arrestati ritenuti responsabili del brutale pestaggio al supermercato Carrefour del Piccarello ai danni dell'addetto alla sicurezza.

A Ciaravino, destinatario di un'ordinanza in carcere, il gip del tribunale di Latina aveva già negato la scarcerazione e ora i giudici del Riesame confermano il provvedimento. Valentina Ciarelli resta invece agli arresti domiciliari. Il fratello Roberto Ciarelli, 22 anni, era inizialmente irreperibile e all'indomani dai primi due arresti della squadra mobile di Latina si era poi costituito presentandosi in carcere a Pescara, dove si era rifugiato.

Il pestaggio risale al 28 gennaio scorso. Una domenica pomeriggio i tre si erano presentati nel supermercato del Piccarello, il vigilante li aveva seguiti per il loro atteggiamento sospetto e ne era nato un litigio nel corso del quale i tre avevano cominciato a rivolgere al vigilante una serie di offese e insulti per la sua invalidità. Poi si era scatenata la violenza. L'addetto alla sicurezza era stato picchiato sul volto e preso a calci anche quando era già a terra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novembre 1985: l'atroce delitto di Rossella Angelico. Latina la ricorda intitolandole una rotonda

  • Maltempo, tragedia sfiorata: cade un albero su un'auto in transito

  • Operazione Astice secondo atto: nuovi arresti a Latina

  • Tragedia a Latina: un uomo si toglie la vita sparandosi con un'arma da fuoco

  • Maltempo a Gaeta, “La Signora del Vento” danneggiata dalla forte mareggiata

  • Miglior panettone del Lazio: un altro riconoscimento per Ferdinando Tammetta

Torna su
LatinaToday è in caricamento