Picchia la compagna, arresto non convalidato. Disposto il divieto di avvicinamento

Il giudice ha rimesso in libertà l'uomo di 58 anni, originario di Roma, arrestato mercoledì sera a Sabaudia. Respinta la misura cautelare richiesta dal pm ma non potrà avvicinarsi alla ex convivente

Non è stato convalidato l'arresto dell'uomo di 58 anni arrestato mercoledì sera aver picchiato la sua convivente nel loro appartamento di Sabaudia. La signora, 47enne originaria di Roma ma residente a Sabaudia, aveva dovuto ricorrere alle cure dell'ospedale dopo essere stata aggredita a calci e pugni dal suo compagno. Poi si era presentata mercoledì sera, con il volto tumefatto e diversi segni di violenza sul corpo, alla stazione locale dei carabinieri e aveva deciso di denunciare tutto e raccontare gli episodi di violenza subiti nei due anni di convivenza.

Il convivente, anche lui originario di Roma, era stato trovato ubriaco dai carabinieri e arrestato. Ieri mattina, comparso in tribunale, è stato rimesso in libertà dal giudice che non ha convalidato l'arresto perché non sussistevano i requisiti della flagranza di reato. Per lui il magistrato ha disposto la sola misura di divieto di avvicinamento alla donna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Camionista di Sezze denunciato dai carabinieri a Pordenone: guidava in stato di ebbrezza

Torna su
LatinaToday è in caricamento