Picchia la compagna, arresto non convalidato. Disposto il divieto di avvicinamento

Il giudice ha rimesso in libertà l'uomo di 58 anni, originario di Roma, arrestato mercoledì sera a Sabaudia. Respinta la misura cautelare richiesta dal pm ma non potrà avvicinarsi alla ex convivente

Non è stato convalidato l'arresto dell'uomo di 58 anni arrestato mercoledì sera aver picchiato la sua convivente nel loro appartamento di Sabaudia. La signora, 47enne originaria di Roma ma residente a Sabaudia, aveva dovuto ricorrere alle cure dell'ospedale dopo essere stata aggredita a calci e pugni dal suo compagno. Poi si era presentata mercoledì sera, con il volto tumefatto e diversi segni di violenza sul corpo, alla stazione locale dei carabinieri e aveva deciso di denunciare tutto e raccontare gli episodi di violenza subiti nei due anni di convivenza.

Il convivente, anche lui originario di Roma, era stato trovato ubriaco dai carabinieri e arrestato. Ieri mattina, comparso in tribunale, è stato rimesso in libertà dal giudice che non ha convalidato l'arresto perché non sussistevano i requisiti della flagranza di reato. Per lui il magistrato ha disposto la sola misura di divieto di avvicinamento alla donna. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

Torna su
LatinaToday è in caricamento