Picchia la moglie, arrestato. Lei salvata dal pianto dei figli

L'uomo ha aggredito in casa la donna colpendola con calci e pugni: lei, approfittando di un momento di distrazione dell'uomo richiamato dal pianto dei bambini, è riuscita a fuggire e a raggiungere l'ospedale

La caserma dei carabinieri di Latina

È riuscita a mettersi in fuga, scappando dalla furia del marito e raggiungendo l’ospedale dove le sono state prestate le prime cure.

L’episodio, l’ennesimo caso di violenza tra le mura domestiche, si è verificato durante la notte appena trascorsa a Latina dove un uomo di 38 anni è stato arrestato per aver aggredito e pestato la moglie, colpendola ripetutamente con calci e pugni.

È stato il pianto dei figli minori a mettere in salvo la donna che, approfittando di un momento di distrazione del marito richiamato proprio dal pianto dai bambini, è riuscita a scappare di casa e raggiungere l’ospedale Goretti, dove, sottoposta alle prime cure, le sono stati riscontrati traumi e contusioni su tutto il corpo.

L’uomo è stato arrestato per lesioni e maltrattamenti in famiglia.

Potrebbe interessarti

  • Fumo vietato sulla spiaggia, arriva l’ordinanza “smoke free”. Multe fino a 500 euro

  • Gaeta: al Porto Antico arriva “Seabin”, il maxi bidone galleggiante attira rifiuti

  • Reddito di cittadinanza, selezione dei navigator: l’elenco dei vincitori e degli idonei

  • Decennale dell'Adunata Nazionale degli Alpini: slitta la manifestazione a Latina

I più letti della settimana

  • Terremoto a Roma, scossa avvertita anche in alcune zone di Latina e provincia

  • Mariachiara muore dopo una settimana di coma: arresto cardiaco per un intervento al naso

  • Due capodogli morti a Ponza: la mamma ha cercato di liberare il figlio da una rete da pesca

  • Omicidio Marino, due pentiti raccontano in videoconferenza l’eliminazione del boss

  • Guasto a un treno sulla Roma - Napoli, passeggeri bloccati sull'Intercity soccorsi da Trenitalia

  • Cisterna, violento incendio in un'azienda di stoccaggio di rifiuti

Torna su
LatinaToday è in caricamento