Ubriaco picchia moglie e figlio, poi aggredisce anche i carabinieri: arrestato

A Marina di Mintunro in manette 54enne per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e per maltrattamenti in famiglia; soccorsi la madre e il ragazzo curati in ospedale

Arriva da Marina di Minturno un nuovo episodio di maltrattamenti in famiglia che vede protagonista un uomo di 54 anni del posto arrestato nel pomeriggio di ieri, sabato 7 luglio, dai carabinieri. 

I militari sono intervenuti presso l’abitazione dell’uomo, dove era stata segnalata una lite familiare, in seguito ad una segnalazione giunta al 112. Giunti sul posto hanno trovato il 54enne che, “in palese stato di alterazione psico – fisica, dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche” e nonostante il loro arrivo, stava ancora inveendo e picchiando la moglie e il figlio 22enne. 

Non solo, l’uomo ha anche colpito con calci e pugni i carabinieri che tentavano di frenare la sua condotta violenta.

Sul posto è giunto anche il personale del 118 con il cui aiuto è stato possibile immobilizzare il 54enne portato insieme ai familiari presso l’ospedale Dono Svizzero di Formia. Dopo le dimissioni, e arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e per maltrattamenti in famiglia, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza, nelle more  del giudizio direttissimo, come disposto dall’autorità Giudiziaria. 

Sono stati dimessi anche la donna ed il ragazzo; per loro una prognosi di tre giorni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Minacce di morte ai carabinieri: Giorgia Meloni in visita alla caserma di Aprilia

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento