Ponza, feste nella struttura abusiva: nuova ordinanza di chiusura

Il sindaco Vigorelli ha emanato un nuovo provvedimento contro il Frontone Village, dopo aver negato l'autorizzazione all'esercizio: "Manca l'agibilità e l'idoneità igienico-sanitaria"

Una nuova ordinanza di chiusura e una denuncia penale. Il Comune di Ponza, per scelta del neosindaco Piero Vigorelli, decide la linea dura contro lo Sporting club Frontone, la struttura realizzata in una delle aree più belle dell'isola. “L’attività di impresa non ha il necessario titolo di agibilità e ogni altra certificazione igienico-sanitaria” evidenzia il primo cittadino nell'ultima ordinanza emessa.

Il nuovo provvedimento amministrativo del sindaco Vigorelli e la denuncia penale sono la risposta dell'amministrazione alle due feste svolte presso la struttura, il 9 e 14 agosto, nonostante il Comune avesse negato l'autorizzazione all'esercizio. Lo svolgimento di feste con centinaia di persone crerebbe gravi problemi per l'intervento in caso di emergenza.

Nella nuova ordinanza il sindaco sottolinea come da marzo a oggi ci siano stati diversi controlli, dai quali è emerso che “tutta l’area dello Sporting Frontone risulta dagli atti d’ufficio totalmente abusiva”. Inevitabile quindi la nuova disposizione a cessare immediatamente le attività in essere o programmate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: come candidarsi

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Maxi furto in gioielleria con la figlia: arrestata ladra seriale ricercata dalla polizia

  • In auto con 30 chili di droga: corriere fermato a Terracina e arrestato

  • Auto si ribalta e finisce fuori strada, famiglia salva per miracolo

Torna su
LatinaToday è in caricamento