Porto canale di Rio Martino: sgomberato il tratto di banchina, al via i lavori

L'assessore Costanti: "Accertate le necessarie condizioni di sicurezza, l'amministrazione si adopererà affinché almeno le imbarcazioni adibite ad attività di pesca possano stazionare nello specchio acqueo". Buone notizie anche per il ristorante "Pesce d'Oro"

Sgomberato il tratto di banchina Mussolini soggetto a lavori di manutenzione, al via gli interventi di riqualificazione previsti al Porto canale di Rio Martino da parte della ditta aggiudicataria dei lavori per la messa in sicurezza. 

Ma buone notizie potrebbero arrivare per i pescatori. “Accertate le necessarie condizioni di sicurezza ed incolumità pubblica, l’Amministrazione si adopererà affinché almeno le imbarcazioni adibite ad attività di pesca possano stazionare nello specchio acqueo interessato”, ha dichiarato l’assessore alle Attività produttive Felice Costanti ricordando che nel Porto Canale risultano attualmente ormeggiate decine di imbarcazioni, delle quali alcune adibite ad attività di pesca professionale, altre per attività da diporto. 

“Le tipologie dello specchio acqueo indicate – precisa Costanti - si differenziano per modalità e contenuti. Difatti, mentre l’attività da diporto rientra nella definizione di ‘turistico – ricreativo’, per la quale è necessario il rilascio di apposita concessione demaniale marittima ai fini del corretto esercizio dell’attività, per quanto attiene l’attività di pesca professionale l’uso dello specchio acqueo, sussistendo le necessarie condizioni di sicurezza della navigazione, è libero”.

A tal proposito, l’art. 822 del codice civile, ricordano dall’amministrazione, “precisa che i porti appartengono allo Stato e fanno parte del demanio pubblico; sono pertanto beni pubblici, destinati a soddisfare interessi della collettività,  poiché presentano una vocazione naturale all’uso generale e diretto da parte della stessa”. 

“In particolare – continua l’assessore - per quanto di specifico interesse l’attività di pesca, proprio per le finalità 'sociali' sottese alla stessa, che la qualificano come modalità di godimento tradizionale e che la differenziano da altre tipologie di utilizzazione del demanio marittimo, rientra a pieno titolo nei cosiddetti usi pubblici del mare, consentendo ai pescatori, che dalla loro attività traggono sostentamento e reddito, di godere dell’utilizzo del bene demaniale in maniera immediata, diretta ed incondizionata”.

Infine, concludono dal Comune di Latina, “per consentire una corretta e razionale fruizione del mare di Rio Martino, dopo avere provveduto a pubblicare (su Gazzetta Italiana ed Europea e Albo Pretorio) l’istanza per la ristrutturazione e il risanamento conservativo dell’ex ristorante denominato ‘Pesce D’oro’, lo stesso verrà assegnato in concessione ventennale per lo svolgimento dell’attività di bar e ristorante”. 

Potrebbe interessarti

  • Nuova disinfestazione contro le zanzare a Latina: tutte le date e le zone interessate

  • Sperlonga: una statua di sabbia e due palloni rossi giganti per l'uscita di "IT Capitolo Due"

  • Per Ferragosto la tradizionale processione della Madonna Stella Maris, ma non in mare

  • Ponza su Rai5: la perla del Tirreno rivive tra le immagini e i racconti degli isolani

I più letti della settimana

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Cisterna, panico dopo la festa di San Rocco: ruba un'auto e a folle velocità attraversa l'isola pedonale

  • Incidente sulla Frosinone-Mare, si aggrava il bilancio delle vittime: muore anche Elisa Sperduti

  • Controlli del Nas negli alloggi per anziani: chiuse tre strutture a Sezze

  • Ispezioni nei ristoranti: chiuso un take away al Circeo, sequestri in una pizzeria-kebab di Latina

  • Malviventi in azione a Cisterna e Latina: nel mirino due farmacie

Torna su
LatinaToday è in caricamento