Bracciante abbandonato alla stazione dal datore di lavoro si sdraia sui binari: non è mai stato pagato

La segnalazione di Marco Omizzolo: "Guardate come riduciamo le persone, questo è sfruttamento ed emarginazione"

Un lavoratore indiano abbandonato alla stazione ferroviaria di Priverno dal suo datore di lavoro. La segnalazione del caso arriva da Marco Omizzolo, sociologo di Sabaudia e ricercatore Eurispes impegnato da molti anni sul territorio nella lotta al caporalato e allo sfruttamento del lavoro in agricoltura. La storia è stata immortalata in un video pubblicato su Youtube e ripreso da Omizzolo sulla sua pagina Facebook. 

Il migrante ha con sé una valigia ed è sdraiato sui binari della ferrovia in prossimità della stazione di Priverno. Non vuole muoversi da lì e prima dell'intervento delle forze dell'ordine racconta, a chi glielo chiede, la sua drammatica vicenda. Dice di aver lavorato per diversi mesi per un uomo che si chiama Giovanni e di aver curato il bestiame nella stalla di proprietà del suo datore di lavoro. Ma non è mai stato pagato e non ha mai avuto un contratto di lavoro. Come forma di protesta l'uomo ha quindi deciso di sdraiarsi sui binari. E' senza soldi e non sa più dove andare. 

"Guardate come riduciamo le persone - commenta Marco Omizzolo - Questo è caporalato, sfruttamento, emarginazione, povertà indotta per arricchire i conti correnti del padrone, per permettergli di comprare nuove serre, nuove case e nuovi suv. Ci si può solo vergognare e mobilitarsi con tutta l’indignazione possibile e desiderio di cambiare questo stato di cose. Questa è "l’accoglienza del padrone”. Chi paga per questa condizione? Chi è il responsabile? Da che parte stiamo? Questo video è anche la risposta migliore a chi dice che cerchiamo “solo medaglie”, che diciamo “solo bugie”, che il caporalato e lo sfruttamento “sono casi isolati di poche persone”. Capita ogni giorno. Ogni giorno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perdono il posto di lavoro: licenziate dopo 20 anni per "mancato superamento del periodo di prova"

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Accoltellato alla giugulare: salvato dalla Stradale sulla Pontina e soccorso dall'eliambulanza

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

Torna su
LatinaToday è in caricamento