Dopo due giorni di proteste la gioia dei senzatetto, apre il dormitorio

Per due notti hanno dormito sotto i portici del palazzo comunale ed ora la decisione di Di Giorgi, d'intesa con la maggioranza: disposta l'apertura del dormitorio definitivo di via Aspromonte

Hanno lottato per due giorni e due notti dormendo accampati sotto i portici del palazzo comunale, e alla fine hanno ottenuto la loro personale vittoria.

Stasera i senzatetto, che dopo la chiusura del dormitorio provvisorio si sono stanziati davanti al Comune in piazza del Popolo in segno di protesta, potranno dormire all’interno della struttura di via Aspromonte.

Nel pomeriggio di oggi il sindaco di Latina Giovanni di Giorgi ha disposto infatti l’apertura del nuovo dormitorio definitivo, lo stesso che per tutto l’inverno ha tenuto banco infuocando la polemica tra maggioranza e opposizione.

La decisione del primo cittadino è arrivata in seguito ad un duro confronto con la maggioranza dopo che ieri si era toccato l'apice della tensione con il Pd che aveva anche chiesto al sindaco di revocare la delega all’assessore ai Servizi sociali Patrizia Fanti.

“A seguito della situazione di emergenza sociale venutasi a creare con la chiusura del dormitorio comunale allestito per offrire riparo per l’emergenza freddo – fanno sapere dall'Ente di piazza del Popolo con una nota -, il sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, d’intesa con l’intera maggioranza e in accordo con i Servizi sociali del Comune, ha disposto l’apertura del nuovo dormitorio, sito nei pressi del palazzetto dello sport”.

“In attesa di espletare la gara per l’affidamento della gestione del nuovo dormitorio e di definire il regolamento di gestione, la stessa struttura è stata attivata con il coordinamento dell’assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Latina”.

Il sindaco Di Giorgi ha già incontrato un rappresentante del gruppetto di ospiti del dormitorio chiuso, comunicando che da questa sera il nuovo dormitorio sarà aperto e in grado di offrire un tetto alle persone che ne avranno necessità.

Soddisfatta l’opposizione della posizione assunta dal primo cittadino di Latina Di Giorgi. "Diamo atto al sindaco di aver preso in mano la situazione, accogliendo la nostra proposta" hanno commentato gli esponenti del Pd che comunque continueranno la loro battaglia istituzionale.

"L’annuncio dell’apertura del dormitorio definitivo è una grande vittoria per i poveri accampati sotto il comune da due giorni - hanno affermato in una nota congiunta Sergio Sciaudone, ex segretario Prc ed oggi leader del movimento civico Sinistra per Latina, e Marco Fioravante, consigliere comunale -. E’ la vittoria di chi, ultimo tra gli ultimi, si è battuto per un proprio diritto".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Concorso per lavorare in Senato: come candidarsi

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento