Patrimonio storico, intesa tra Piana delle Orme e Comune di Cisterna

Museo Piana delle Orme ed il Comune di Cisterna insieme per valorizzare e rendere più fruibile il patrimonio storico del nostro territorio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Il Museo Piana delle Orme ed il Comune di Cisterna insieme per valorizzare e rendere più fruibile il patrimonio storico del nostro territorio. Con questo intento, ieri mattina, la direttrice del complesso Piana delle Orme Alda Dalzini ed il sindaco Antonello Merolla, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che apre nuove prospettive al turismo cisternese.

Si tratta di un vero e proprio programma d’azione che prevede convegni di studio su storia, tradizioni, arte e cultura; eventi, mostre, congressi, stage, workshop e corsi di cultura storica legati al folclore, all’artigianato, al turismo enogastronomico, culturale e ambientale del territorio; la reazione di progetti per interventi strutturali per la valorizzazione e la promozione dei beni storici, culturali e paesaggistici del nostro territorio; la partecipazione a bandi europei, regionali e provinciali; specifici studi e ricerche sulla storia di Cisterna e del territorio.

Inoltre, il Comune di Cisterna concede il Patrocinio e l’utilizzo dello stemma cittadino al Museo Piana delle Orme che dovrà utilizzarlo in tutte le sue iniziative. L’Ente si impegnerà quindi a promuovere percorsi culturali e turistici (attraverso lo sportello turistico ed il costituendo Museo di Palazzo Caetani) che leghino il parco tematico di Latina alle attrattive diCisterna.

Dal canto suo, Piana delle Orme dovrà dare visibilità al Comune di Cisterna e a tutte le sue iniziative, nei canali ufficiali ed istituzionali; lascerà che il sito diventi uno dei luoghi di rappresentanza istituzionale di Cisterna, per manifestazioni, vendita di prodotti artigianali, visite guidate ad ospiti e scolaresche.

Tutto questo senza alcun impegno di spesa per le parti. “Oggi – commenta Merolla – abbiamo aggiunto un elemento importante all’ormai ricco quadro generale dell’offerta turistica di Cisterna. Per questo sono estremamente soddisfatto degli accordi definiti nel protocollo d’Intesa siglato stamane, oltre che orgoglioso di poter associare lo stemma della nostra città alla popolarità nazionale del Museo creato da Mariano De Pasquale, proprio alla vigilia delle celebrazioni del 70° anniversario dell’Esodo cisternese. Ringrazio dunque la direttrice Dalzini per la disponibilità dimostrataci”.

“Questo è solo il punto d’inizio di un’attività di valorizzazione del nostro territorio e della nostra storia molto più ampia – spiega l’assessore al Turismo, Arturo Cianciosi - . Cisterna è legata al passato della pianura pontina ma anche alle realtà dei borghi dei monti Lepini, partendo da Ninfa, finoa Norma, Bassiano e Sermoneta. E’ questo il circuito turistico del quale dobbiamo diventare al più presto il polo centrale, ovviamente senza mai perdere la nostra specifica identità territoriale”.

“Esprimo tutto il mio apprezzamento – dichiara Alda Dalzini -per un’amministrazione comunale che si dimostra attentae lungimirante in fatto di promozione turistica e culturale. Piana delle orme in 16 anni è diventata, nel suo genere, una delle attrattive culturali più importanti d’Italia ed ora, con il supporto del comune di Cisterna potrà aprirsi ancora di più verso il territorio. Perché un museo come il nostro è anzitutto un luogo aperto, sociale, di scambio di esperienze”.

Torna su
LatinaToday è in caricamento