Punti di primo intervento, dopo il corteo la tregua: si va verso un modello condiviso

E' questo l'esito dell'incontro con il direttore generale della Asl Giorgio Casati avvenuto dopo la manifestazione guidata dai sindaci pontini

Ci sarà tempo un anno per rimodulare il piano proposto dalla Asl pontina sui Punti di primo intervento della provincia. Intanto, ci saranno alcune garanzie: il mantenimento del servizio attuale per le ore diurne e quello di medici e infermieri e il potenziamento del servizio di analisi. Ma soprattutto una prima certezza: la volontà di intraprendere sul caso un percorso condiviso. 

I sindaci arrivano alla Asl - Il video

E' questo l'esito della manifestazione che oggi si è svolta a Latina contro il piano di riorganizzazione aziendale che riguarda i Punti di primo intervento. I sindaci che hanno partecipato al corteo, insieme ai rappresentanti dei comitati civici dei comuni, sono stati ricevuti dal direttore generale della Asl pontina Giorgio Casati. 

"I sindaci della provincia di Latina a seguito dell'incontro nell'ambito della manifestazione a sostegno dei Ppi - si legge in una nota condivisa dei primi cittadini - ribadiscono la volontà, espressa dalle comunità interessate, di trovare una sintesi migliorandone l'efficacia e l'appropriatezza dei servizi. Esprimiamo l'apprezzamento per l'apertura mostrata da Casati riguardo il coinvolgimento delle comunità nella predisposizione del nuovo modello e riguardo la disponibilità ad elaborare un progetto che tenga conto delle istanze proposte dai sindaci stessi così come già avvenuto nel contesto dei tavoli tecnici già effettuati. Sarà inoltre nostro compito rappresentare alla Regione l'inadeguatezza e la disparità della quota capitaria della nostra provincia rispetto alle altre province".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo convinti - concludono i sindci - che grazie alla disponibilità reciproca tra amministratori, Asl e Regione si riesca a trovare una soluzione che sia in grado d