Latina sempre più violenta: pestato per un cellulare. Un arresto

Dopo i 2 accoltellamenti e l'aggressione in via Giulio Cesare, picchiato un ragazzo ai giardinetti per il telefonino. Quarto episodio violento nel capoluogo in meno di una settimana

Ancora un’aggressione nel capoluogo. Si tratta del quarto episodio di violenza che si registra a Latina in meno di una settimana.

Dopo i due accoltellamenti dello scorso 9 febbraio – vittima un tunisino di 30 anni colpito all’addome con 5 fendenti – e di due giorni fa, quando una lite per una donna contesa è finita con il ferimento di un uomo, e l’aggressione subita da un giovane di 28 anni proprio davanti la sua abitazione in via Giulio Cesare, nella serata di ieri si è reso di nuovo necessario l’intervento delle forze dell’ordine.

I carabinieri del Norm – Aliquota Radiomobile di Latina hanno tratto in arresto un giovane di 20 anni di nazionalità marocchina, in Italia senza fissa dimora, con l’accusa di rapina.

Qualche ora prima, intorno alle 22.30, il ragazzo, insieme ad un’altra persona di cui ancora non si è riusciti a risalire all’identità, avevano aggredito un connazionale in via Medaglia d’Oro a Latina, all’interno dei giardinetti pubblici noti come il Parco Mussolini

La giovane vittima, prima è stato colpito ripetutamente a calci e pugni dai due ragazzi è poi derubato del telefonino cellulare.

Dopo essere stati allertati i carabinieri si sono subito messi sulle tracce dei malviventi, uno dei quali, M. M. di 20 anni è stato rintracciato e arrestato intorno all’1.30.

Nel frattempo la vittima è stata ricoverata presso l’ospedale Santa Maria Goretti di Latina per le gravi lesioni subite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

Torna su
LatinaToday è in caricamento