Rapina al semaforo di via Vespucci, bandito irrompe nell'auto e sequestra la vittima

Il malcapitato, P.F., 45 anni di Latina, impiegato in una nota ditta di spedizioni e trasporti del capoluogo, è stato rapinato questa sera all'incrocio tra via Vespucci e viale Kennedy: il malvivente si è fatto consegnare circa 10mila euro per poi farsi accompagnare e fuggire nei pressi di viale Le Corbusier. La vittima è stata ferita alla testa

Attimi di terrore nel tardo pomeriggio di oggi a Latina. P.F., 45 anni, impiegato nell'ufficio di una nota ditta di spedizioni e trasporti del capoluogo, è stato sequestrato, rapinato e ferito da un malvivente. 

Gli agenti della volante e della mobile stanno ricostruendo quanto accaduto: la vittima, tra le 19 e le 20 di oggi, sarebbe stata bloccata al semaforo di via Vespucci, all'incrocio con viale Kennedy, aveva appena staccato dal posto di lavoro. Il malvivente, sembrerebbe sotto la minaccia di un'arma, ha fatto irruzione nella sua auto, obbligandolo a fare il tragitto indicato.

I due avrebbero percorso viale Kennedy in direzione del centro commerciale Agora per poi giungere nei pressi del Palafitness, fino all'interruzione della strada, lato viale Le Corbusier. 

Il bandito si è fatto consegnare circa 10mila euro ed ha ferito il malcapitato alla testa, per poi fuggire. Il 45enne ha allertato il 113 intorno alle 20 e sul posto sono giunti anche i sanitari del 118 che hanno alleviato con del ghiaccio il colpo inferto alla testa.  L'uomo ha rifiutato il trasporto in pronto soccorso. 

Ora gli inquirenti stanno cercando di raccogliere tutti gli elementi utili alle indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento