Revenge porn e stalking, il 52enne nega tutto e accusa l'ex amante

L'uomo interrogato in carcere. Nel 2015 si era barricato nella casa dell'ex moglie minacciando di farla saltare in aria

Ha risposto alle domande del giudice e negato di avere inviato foto intime della donna con la quale aveva intrapreso una relazione extraconiugale a familiari e amici Giuseppe Testani, il 52enne finito in carcere nei giorni scorsi con le accuse di  stalking e revenge porn.

L’uomo peraltro ha una serie di precedenti penali e nel gennaio 2015 si era  barricato in casa della moglie, a Norma, minacciando di farla saltare in aria perchè non poteva vedere il figlio. Da quella casa era uscito dopo due giorni  e per quella vicenda era stato condannato in primo grado a sette anni di carcere dal Tribunale di Latina, pena ridotta a due anni e cinque mesi dalla Corte di appello che lo ha assolto dall’accusa di tentato omicidio derubricando il reato in minacce aggravate, incendio e violazione di domicilio.

Nei giorni scorsi il nuovo arresto dopo che la donna ha deciso di denunciarlo: agli investigatori ha raccontato che nel momento in cui aveva deciso di interrompere il rapporto per lei è iniziato un vero incubo con minacce che sono andate avanti per mesi tanto che lei ha accettato di continuare a vederlo per evitare il peggio. Testani ha comunque fatto sapere a conoscenti e familiari – inclusi il marito e i figli della vittima – della loro relazione inviando loro messaggi e foto intime. Nel corso dell’interrogatorio di stamattina il 52enne, assistito dall’avvocato Guglielmo Raso, ha raccontato al giudice per le indagini preliminari Giuseppe Cario ha raccontato che era stata la sua ex amante ad inviargli quelle foto contenute nel suo cellulare, sequestrato a dicembre scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La difesa ha chiesto una sostituzione della misura cautelare, istanza sulla quale il gip si è riservato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus, 28 nuovi casi nel Lazio. Regione: “In provincia di Latina positiva una bambina”

Torna su
LatinaToday è in caricamento