Rifiuti, Ecocar nel mirino: inchiesta chiusa. Tre indagati pontini

Si tratta di un dipendente della società, dell'ex assessore all'Ambiente di Gaeta e di un funzionario del Comune di Minturno. L'indagine coordinata dalla Procura di Cassino

Occhi puntati sulla Ecocar srl, la società che gestisce l'appalto dei rifiuti in alcuni comuni italiani, tra cui Caserta e Marcianise ma anche Gaeta e in passato Minturno. La Procura di Cassino è arrivata in questi giorni a chiudere un'inchiesta relativa alla Ecocar, che vede coinvolti i comuni di Gaeta, Minturno, Caserta, Anzio, Marcianise e Guidonia.

In tutto dodici le persone iscritte sul registro degli indagati. Tra queste compaiono il romano Antonio Deodati, patron della Ecocar, il suo collaboratore Antonio Nocera, ed Emanuele Savo, ex amministratore unico del Consorzio Ecocar Ambiente, accusati di associazione finalizzata alla corruzione, "allo scopo di assicurarsi da amministratori e funzionari dei Comuni Ecocar srl e Ipi srl". 

 Nell'elenco degli indagati ci sono poi tre pontini: si tratta di Lucio Bruno, di Latina, dipendente della Ecocar e stretto collaboratore di Deodati; Carlo Frasca, originario di Bari e residente a Scauri, responsabile dell'Ufficio di Igiene pubblica del Comune di Minturno; Alessandro Vona, ex assessore del Comune di Gaeta con delega alle politiche ambientali e di sviluppo sostenibile.

Per Vona in particolare la Procura di Cassina ipotizza il reato di atti contrari ai doveri di ufficio "assunti in violazione dei doveri di imparzialità della pubblica amministrazione e consistenti nell'effettuare interventi sui competenti organi del Comune per eliminare le penali gravanti sulla società Ecocar relative a ritardi nella gestione del servizio di raccolta e smaltimento". Secondo la Procura Vona avrebbe ricevuto utilità consistenti in "ripetute consegne di somme di denaro dal 2014 a fine gennaio 2015 pari a complessivi 55mila euro". Le somme sarebbero state erogate da Antonio Deodati e consegnate materialmente da Antonio Nocera e Emanuele Savo, a Gaeta.

A Carlo Frasca, funzionario del Comune di Minturno, la Procura contesta invece la predisposizione degli atti necessari "per consentire alla Ecocar srl di ottenere proroghe dell'affidamento in via provvisoria del servizio di raccolta e smaltimento". Anche in questo caso si fa riferimento alla consegna di somme di denaro "per un importo concordato pari a 500 euro mensili ma con corresponsione a cadenza variabile". Somme materialmente consegnate da Nocera e Savo insieme a Lucio Bruno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

  • Coronavirus: in provincia nessun nuovo caso, 11 pazienti nel Lazio e un decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento