Abbandona rifiuti ingombranti per strada, scatta la multa da 600 euro

L’uomo sorpreso dai carabinieri della Stazione Forestale di Latina. Il sindaco Coletta: “Importante è denunciare chi getta rifiuti per strada nel tentativo di debellare un malcostume ancora troppo consolidato”

(foto d'archivio)

Ha abbandonato rifiuti ingombranti in strada: per lui scatta la multa da 600 euro. 

E’ accaduto lo scorso 7 aprile quando i carabinieri della Stazione Forestale di Latina hanno sorpreso un uomo intento a depositare rifiuti domestici ingombranti presso l’ex isola ecologica di Latina Scalo. 

E’ solo l’ultimo di una serie di interventi operati dal Corpo Forestale impegnato costantemente a sorvegliare il centro di raccolta in via delle Industrie, dismesso e non più funzionante. L’autore dell’illecito amministrativo è stato sanzionato con una multa salata e invitato al regolare smaltimento gratuito presso il sito autorizzato di Latina Ambiente, in via Bassianese. 

Mi congratulo con il Gruppo Carabinieri Forestale che con quest’ultimo intervento – sottolinea il sindaco Damiano Coletta - dà forza al messaggio che quest’Amministrazione sta cercando di trasmettere alla comunità: lasciare i rifiuti per strada non è solo un illecito, ma anche un’offesa alla città. Le sanzioni elevate ultimamente sono un dato positivo in una situazione che va ancora molto migliorata anche attraverso l’attivazione di strumenti di controllo, le telecamere per esempio, e un’adeguata campagna di sensibilizzazione. 

C’è bisogno di promuovere e diffondere il senso civico per arginare i comportamenti di pochi che tuttavia sono deleteri per tutti. Altrettanto importante è denunciare chi getta rifiuti per strada nel tentativo di debellare un malcostume ancora troppo consolidato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento