Rsu/Rls poste italiane, rappresentanti di Cisl e Ugl soddisfatt del risultato

Sono 476 i voti raccolti da Flp Cisl e 160 da Ugl Comunicazioni sui 981 validi, mentre sono 8 i seggi assegnati al primo sindacato e 3 al seconda, come anche a Cgil, 2 a Uil e 1 a Cnfsal

“Importante risultato per l’Ugl Comunicazioni”. Così la sigla sindacale ha commentato il risultato dei rinnovi delle Rsu di poste italiane che si sono tenuti nei giorni del 13 e 14 novembre presso il collegio della provincia di Latina.

Sui 981 voti validi 476 sono andati alla Flp Cisl, 160 all’Ugl Comunicazioni, 156 alla Slc Cgil, 93 a Uil Poste, 71 a Confsal Comunicazioni e 25 a Failp Cisal, mentre per quanto riguarda i seggi, 8 sono andati alla Cisl, 3 a Ugl e Cgil, 2 a Uil e 1 a Confsal.

I candidati eletti nella lista Ugl nelle varie sedi provinciali sono: Matteo Manduano, Michele Cesaro e Carlo Milanese  “Il risultato Ugl è in netta crescita rispetto ai risultati precedenti” ha commentato il sindacato.

“Si è trattato di un appuntamento in cui i lavoratori sono stati chiamati a partecipare per scegliere i loro rappresentanti Rsu, oltre ai nuovi Rls- ha dichiarato il segretario Provinciale Matteo Manduano-. Gli eletti si faranno interpreti e portavoce dei bisogni e delle istanze di tutti i lavoratori postali nell’Unità Produttiva di propria pertinenza.  I componenti delle Rsu ed i Rls eletti nelle liste Ugl Comunicazioni vivranno concretamente con completezza la vita dell’azienda e potranno essere parte attiva delle sue vicende, per interpretare le esigenze dei lavoratori, avendo sempre presente che il proprio mandato si fonda sul rispetto della persona e del diritto che fa capo ad ogni lavoratore. Ringraziamo gli iscritti e tutti coloro che hanno votato le liste contrassegnate dal simbolo dell'Ugl Comunicazioni, faremo tesoro della fiducia accordataci”.

I complimenti e gli auguri di buon lavoro agli eletti e al segretario provinciale Manduano Matteo, che con la sua squadra ha ottenuto questo importante risultato – ha commentato il segretario provinciale Ugl Maria Antonietta Vicaro -. Un punto di partenza, in un momento che anche per la categoria dei postali, vede difficoltà enormi dovute ai tagli di risorse e di organico.”

CISL - "Un grande risultato, quindi che vede la Cisl confermarsi come il primo sindacato a livello provinciale in poste Italiane e raggiunto dopo un confronto ferrato a tratti aspro ma da cui i lavoratori hanno dimostrato di apprezzare il grandissimo senso di responsabilità della Cisl, condividendone la sua strategia" commentano dal sindacato.

“Ricordiamo - afferma Luciano Notarianni Segretario Generale Slp Cisl provinciale di Latina - che queste elezioni si sono tenute in un momento molto particolare, delicato di Poste Italiane. Sono in piedi infatti numerose vertenze, a livello nazionale e provinciale, afferenti la riorganizzazione di tutti i settori dei servizi postali, gli sportelli, le sedi di Poste Italiane allocate sul territorio provinciale e nazionale. Vertenze queste che potrebbero avere drammatiche ricadute occupazionali in termini di esuberi del personale. Circostanza questa, che la Cisl, con grande fermezza ma responsabilità, intende scongiurare a tutti i costi, ma senza mai sottrarsi al dialogo con l’azienda. Abbiamo incalzato sino ad ora, Poste Italiane e continueremo a farlo per rivedere la politica dei tagli ed ad intraprendere una politica di potenziamento del servizio, considerato da tutti strategico per la funzionalità del sistema paese. Questo grande risultato ci rende ancora più convinti della strada da noi intrapresa per la soluzione della complessa vertenza e al contempo ci fa sentire una grande responsabilità, per la fiducia conferitaci dai lavoratori, che cercheremo di tradurre in pratica intensificando i nostri sforzi”.

Grande soddisfazione la esprime anche Pasquale Verrengia Segretario Generale della Ust Cisl di Latina. “Questa grande affermazione ci rende convinti ancora di più che la strategia della Cisl di grande responsabilità risulta condivisa dalla maggioranza dei lavoratori. Una politica sindacale quella della Cisl che ha sempre rifiutato “ogni populismo o demagogia, ma fatta di grandi responsabilità e quotidianità nel rapporto con i lavoratori”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento