Sanità, nel 2019 partito il reclutamento di 1.500 unità di personale

Di queste, 613 unità derivano dalla mobilità nazionale. Lo spiega l'assessore regionale Alessio D'Amato

Dal 1° gennaio la Regione Lazio ha avviato le procedure per reclutare 1.500 unità di personale per il sistema sanitario. Di queste, 613 unità derivano dalla mobilità nazionale. Si tratta cioè di medici e infermieri che, a causa del blocco del turn over, erano andati in altre regioni e ora potranno tornare nel Lazio. Nello specifico 118 medici, 29 tecnici e 466 del comparto. 

Ne ha parlato oggi l'assessore regionale alla Sanità e all'Integrazione socio sanitaria Alessio D'Amato, nel corso di un convegno promosso da Articolo Uno dal titolo "Sanità universale: sostenibilità del sistema sanitario pubblico". 

“Stiamo mettendo in campo uno sforzo straordinario – ha concluso D’Amato nel suo intervento - per garantire e implementare l’assistenza sanitaria del territorio. Nel Lazio stiamo aprendo una grande stagione che sarà caratterizzata da concorsi, stabilizzazioni e grandi investimenti infrastrutturali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

Torna su
LatinaToday è in caricamento