Sbalzo di tensione a Cori, 200mila euro di danni: maxirisarcimento da Enel

Errore durante una riparazione; danneggiati centinaia di elettrodomestici. Conti ha invitato l'Enel a mandare tecnici per espletare le perizie e procedere immediatamente ai rimborsi

Cori Valle

Uno sbalzo di tensione che ha danneggiato centinaia di elettrodomestici per svariate migliaia di euro di danni.

Questo è quanto accaduto la scorsa settimana a Cori valle per un errore dei tecnici dell’Enel durante una riparazione, e ora il Comune chiede all’azienda di risarcire i residenti della zona.

Durante le operazioni di manutenzione della sottostazione ubicata nei pressi di “Palazzo Ceci”, infatti, Enel Distribuzione ha messo in rete una fornitura di energia elettrica superiore a quella ordinaria, pari a 380 volt anziché 220.

“Nonostante il ripristino del regolare flusso – si legge in una nota dell’amministrazione -, a causa dello sbalzo di tensione, circa 300 famiglie di Cori valle, residenti nelle zone di Valle Suggatti, Contrada Insito e Via Roma, hanno subito gravi danni agli elettrodomestici e alle apparecchiature elettriche, per un valore complessivo stimato intorno ai 200mila euro, più o meno 5/6mila euro a casa”.

“L’amministrazione comunale – fanno sapere dal Comune - si era subito mobilitata incaricando l’Ufficio tecnico di accertare i fatti e raccogliere le istanze di risarcimento e facendo intervenire i Servizi sociali per prestare assistenza agli anziani coinvolti, anche in merito alla compilazione delle domande di indennizzo”.

Nel frattempo, presso il Centro socio culturale “Argento Vivo” e con la collaborazione della locale Protezione civile, si stanno posizionando dei frigoriferi per la conservazione di cibi e bevande, a disposizione dei cittadini meno abbienti coinvolti in questa spiacevole situazione. “Constatati i disagi in corso e il ritardo del gestore nel riconoscere le proprie responsabilità – continuano dal Comune -, il sindaco Tommaso Conti ha invitato l’Enel ad inviare urgentemente a Cori i tecnici esperti della propria assicurazione per espletare le necessarie perizie e procedere immediatamente ai rimborsi dovuti”.

“Qualora Enel non provvedesse nel più breve tempo possibile ad istruire le pratiche di risarcimento, sarà il Comune, alla luce dei danni subiti da alcune delle proprie strutture, ad avviare un’azione risarcitoria in sede giudiziale, invitando i cittadini danneggiati ad aderire”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

Torna su
LatinaToday è in caricamento