Sbandieratori delle Contrade di Cori in partenza per Cipro. Poi il Capodanno in Asia

Rappresenteranno l’Italia al 13° Festival Medievale Internazionale di Ayia Napa. Ricco di successi il 2018 che li ha visti impegnati in tutto il mondo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Nuova prestigiosa trasferta per gli Sbandieratori delle Contrade di Cori, dal 13 al 20 ottobre 2018 sono stati invitati a rappresentare l’Italia al programma culturale del 13° Festival Medievale Internazionale di Ayia Napa località turistica balneare nota per le sue spiagge assieme a numerosi gruppi internazionali. 

La riconferma del gruppo da parte degli organizzatori dopo il successo del 2017 è l’ennesima conferma del loro indiscusso ruolo di Ambasciatori della Città di Cori nel mondo che dal 1976 svolgono con immutato successo. 

Questo importante impegno si aggiunge al già ricco programma del 2018 che li ha visti protagonisti alla XXIII° Edizione dei  Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang in Corea del Sud, a seguire le Capitali Atene, Bucarest e Tokyo e l’affascinante Osaka per la Festa della Repubblica Italiana,  in Repubblica Ceca e pochi giorni fa tornati dall’International Military Tattoo di Liverpool. Altro importantissimo appuntamento in agenda è previsto a Capodanno in Asia.

Tramite l’Arte della Bandiera, il Gruppo si propone di rievocare alcuni spaccati di storia cittadina e di rappresentare il nobile spirito di libertà. La determinazione, la precisione e l’abilità nel manovrare il drappo, la destrezza  e l’accurata preparazione atletica, sono gli elementi che contribuiscono a realizzare uno spettacolo  unico nel suo genere che da sempre riscuote successo. Un ringraziamento particolare per i traguardi conseguiti vanno al presidente, al vice presidente, al direttore artistico ed a tutto il consiglio direttivo per la costanza e la professionalità con cui curano le attività e le iniziative del Gruppo ed in particolare un bel motivo di aggregazione giovanile e non solo.

Torna su
LatinaToday è in caricamento