Scippi a Formia, inchiodati dalle telecamere: la polizia arresta due ventenni

Due gli episodi avvenuti in città ai danni di un giovane del luogo e di una badante. Altre tre denunce sono scattate per episodi analoghi

Hanno rispettivamente 20 e 21 anni i due ragazzi arrestati dalla polizia di Formia per rapina e lesioni personali. Si tratta di Christian Feroleto, originario di Pontecorvo, e Massimo Urgesi, formiano. Le indagini del commissariato hanno consentito di accertare che i due sono stati protagonisti di diversi episodi di furto con strappo.

Le rapine commesse a Formia

Il primo ai danni di un giovane del luogo, avvicinato nei pressi di una palestra in zona Penitro. In quella circostanza una persona alta circa un metro 1 e 80, dell’età di 20/25 anni, travisato da un cappuccio, aveva chiesto alla vittima di offrirgli una sigaretta. Approfittando di un attimo di distrazione aveva poi afferrato la catena d’oro indossata dal ragazzo ed era poi fuggito. Il secondo episodio, avvenuto pochi giorni dopo, in pieno centro a Formia, in Piazza Marconi, alle 5.50, ai danni di una badante che si apprestava a prendere servizio. In quella circostanza due giovani di età apparente intorno ai 20 anni, parzialmente travisati, avevano avvicinato avvicinavano la vittima e dopo averla minacciata si erano impossessati della borsa che conteneva 300 euro.

I due malviventi inchiodati dalle telecamere

Le indagini scattate sulla base delle descrizioni fornite dalle vittime delle rapine, hanno visto anche  l’utilizzo di  alcuni filmati raccolti dagli impianti di videosorveglianza di alcune attività della zona. Si è riusciti quindi ad individuare una telecamera che era riuscita ad immortalare gli autori del secondo episodio, nel momento in cui avvistavano la loro vittima per poi seguirla e rapinarla. Le immagini hanno permesso di restringere la rosa dei sospettati. La fotografie di uno di loro, con precedenti specifici per rapina, insieme a quella di un coetaneo che di solito frequentava, sono state visionate dalle vittime che senza esitazione hanno riconosciuto i due ragazzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due arresti, altre tre denunce

Le conclusioni investigative sono state sottoposte al vaglio del sostituto procuratore De Franco del Tribunale di Cassino, che ha richiesto un’ordinanza restrittiva al Gip di Cassino. Il provvedimento di arresto a firma del giudice Scalera è stato eseguito questa mattina. I due giovani sono finiti ai domiciliari, controllati attraverso il braccialetto elettronico. Altre tre denunce sono scattate per reati analoghi relativamente ad altre rapine commesse nello stesso periodo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

Torna su
LatinaToday è in caricamento