Un tocco scout all’"L'isola di Nemo": termina il servizio del C.N.G.E.I. al centro del sollievo per disabili adulti di Giulianello

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

È terminato il servizio presso il Centro per Disabili Adulti 'L'isola di Nemo' del C.N.G.E.I. - Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani - Gruppo 'Giulianello 3' - l'Associazione Scout che opera sul territorio dal 1992 con lo scopo di formare il 'buon cittadino', in linea con i suoi principi di laicità, democrazia e coeducazione.

Un'esperienza di volontariato e solidarietà che si è concretizzata nella partecipazione del C.N.G.E.I. alle attività del Centro, coinvolgendo una parte dei 50 membri attivi, la Branca Rover (16/19 anni), che si affianca ai Lupetti (8/12 anni) e agli Esploratori (12/16 anni). Nei mesi scorsi questi giovani hanno avuto la possibilità di compiere un percorso di crescita personale, facendo sperimentare agli utenti del Centro un pizzico di scoutismo, organizzando per loro feste, giochi, passeggiate all'aperto e quant'altro concordato con l'Ente.

Giunta al suo quinto anno di attività la micro - struttura avviata dall'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Cori, sita in uno dei locali della Delegazione comunale, completamente ristrutturato, si propone come un punto di riferimento locale per l'assistenza dei disabili adulti, integrando quelli che sono i servizi sociali già attivati sul territorio. L'obiettivo è creare uno spazio ricreativo per l'utenza e un servizio di accoglienza e sostegno ai genitori, oltre che di sollievo, svolgendo un'importante funzione socio - educativa, che ne favorisce la socializzazione e il processo di crescita e di integrazione sociale, fornendo occasioni di sviluppo e miglioramento delle autonome capacità relazionali e di inserimento nella società.

Normalmente gli utenti usufruiscono di un corso di ginnastica per due volte a settimana. Periodicamente inoltre si riunisce il gruppo di mutuo aiuto per i genitori con figli disabili, un momento di confronto e scambio di informazioni ed esperienze per una migliore gestione dei disagi familiari. Una realtà avviata in via sperimentale che si sta rivelando molto utile. I partecipanti sono entusiasti e seguono con attenzione, impegno e continuità le attività proposte dagli operatori, tutti altamente qualificati. Le famiglie ricevono un piccolo ma significativo sollievo nella cura e nell'assistenza, dal lunedì al venerdì, per tre ore pomeridiane.

Torna su
LatinaToday è in caricamento