Emergenza freddo, il Comune di Formia si attiva per i senzatetto

Si valutano possibili soluzioni e la disponibilità di alcuni locali per ospitare chi è senza fissa dimora

Come preannunciato in Consiglio comunale, l'amministrazione di Formia si è attivata per instituire un tavolo di approfondimento in cui discutere di povertà e di come affrontare in modo progettuale e non sporadico il tema dell’emergenza freddo. 

Il tavolo a cui hanno partecipato oltre all’amministrazione comunale, la Caritas, il parroco don Mariano e la Croce Rossa Italiana, ha condiviso un progetto che ha come obiettivo quello di offrire non una semplice sistemazione ai clochard ma la possibilità di una struttura strutture che possa garantire minimo di dignità e servizi. Per raggiungere questo obiettivo è stato richiesto anche il supporto del GUS, che si è attivato per studiare l’ esigenze e predisporre una possibile risposta mettendo a disposizione alcuni locali di propria pertinenza presso l’Ex Enaoli.

Altra possibile soluzione è quella che vede come locali per l’accoglienza quelli del “Villagio Don Bosco”, messi a disposizione da don Mariano e visionati anche dalla CRI, che potrebbero ospitare 15 senza fissa dimora divisi per sesso.

Come ribadito all’interno del tavolo, il Comune di Formia ha esplorato le diverse realtà per trovare una possibile soluzione, ma tutti gli atti sono stati demandati al Comune capofila che è Gaeta i cui uffici dovranno provvedere agli atti formali. E’ stato ribadito infine all’interno del tavolo, quanto sia importante l’apertura da parte della parrocchia di Don Bosco, ma che per dare una risposta completa a livello comprensoriale sia necessario, anche con l’aiuto della Caritas, coinvolgere le parrocchie dei comuni limitrofi.

“Il Comune di Formia – afferma l’assessore D’Angiò - non si è mai tirato indietro e ha accettato di buon grado il mandato esplorativo affidatogli dal distretto. Tutte le forze messe in campo, dettate da anni di esperienza, hanno avuto come unico obiettivo quello trovare una soluzione, non sporadica, ma concreta ed effettiva, che potesse dare risposta ad esigenze reali.  Per questo si è puntato su un lavoro di rete di enti e soggetti che solo integrati tra di loro possono fornire una soluzione efficace. Tutto ora è nelle mani del comune capofila che speriamo in breve tempo si attivi per confermare quanto già messo in campo.”
" Noi come amministrazione - conclude il Sindaco Paola Villa -  ci siamo e a prescindere da quello che deciderà il distretto ci attiveremo per fornire comunque risposte concrete." 

Potrebbe interessarti

  • Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

  • Latina, la Diocesi comunica le nuove nomine dei parroci e i trasferimenti

  • "Tavolata senza muri": Latina tra le 25 città italiane ad ospitare l'iniziativa

  • “Latina in Azzurro”: l’Aeronautica Militare è di scena in piazza del Popolo

I più letti della settimana

  • Ex lavoratore Meccano suicida a Cisterna, la rabbia degli amici e colleghi

  • Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

  • Omicidio a Cisterna, "Elisa era il sole". Oggi una veglia per ricordare la 35enne uccisa

  • Tragedia a Formia: un ragazzo muore annegato mentre fa il bagno

  • Terracina, identificato il giovane trovato morto nel canale. Proseguono le indagini

  • Terremoto tra Cisterna e Velletri, due leggere scosse a distanza di un minuto

Torna su
LatinaToday è in caricamento