Di nuovo i sigilli al tunnel tra i fabbricati di Sport'85: sequestro bis del Nipaaf

I militari hanno eseguito il provvedimento stamattina che interessa solo l’area di collegamento e non le strutture dove si svolge l’attività commerciale. I legali dei proprietari preannunciano il ricorso

Nuovo sequestro per il tunnel di collegamento tra i due fabbricati originali del negozio Sport 85 a Borgo Piave. I sigilli sono stati apposti questa mattina, 9 luglio, dai carabinieri del Nipaaf  che hanno dato esecuzione al provvedimento di sequestro preventivo dell’area di circa 985 metri quadrati emesso dal gip Giorgia Castriota su richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Miliano. 

Il sequestro, precisano dal Nippaf, non interessa i fabbricati dove si svolge l’attività commerciale, ma solo il tunnel di collegamento. 

Il tunnel era stato realizzato in parte con una Dia del 15 ottobre 2010 e poi con una variante del 17 dicembre dello stesso anno, con la quale veniva autorizzata, si legge in una nota del Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale, “una tettoia in ferro di 480 metri quadrati che consentiva il collegamento interno tra i due fabbricati preesistenti con destinazione commerciale (legittimata da precedenti concessioni in sanatoria)".

Nel settembre del 2014 è stato poi rilasciato un permesso a costruire per l’ulteriore ampliamento della tettoia, vale a dire la realizzazione ex novo di altre due porzioni di tettoia per complessivi 415 metri quadrati, coinvolgendo un’area a destinazione produttiva. “Nell’area interessata dagli interventi edilizi - viene spiegato ancora nella nota - è ammessa esclusivamente la costrizione di edifici ed impianti al servizio della piccola industria ed artigianato”. 

Ricordiamo che la contestazione alla realizzazione degli interventi di natura commerciale su un’area produttiva non era stata condivisa né dal Tribunale del Riesame né dalla Suprema corte di Cassazione portando alla revoca del primo sequestro avvenuto nel marzo dello scorso anno in quanto, spiega il Nipaaf, “veniva reputato che il sito avesse ormai acquisito una destinazione commerciale per effetto di precedenti titoli a sanatoria rilasciati in conformità della legge regionale 33/99)". 

La nuova contestazione che ha portato al sequestro bis dell’area, dunque, fa riferimento “all’aumento di volumetria (mc 3.360) realizzata mediante la chiusura di tutte le parti di tettoia tramite vetrate e pannelli in plastica, in evidente difformità ai titoli rilasciati che invece autorizzavano solo aumenti di superficie”. 

I legali dei proprietari hanno fatto sapere che presenteranno un nuovo ricorso al Tribunale del Riesame.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento