Maltrattamenti sui bambini dell'asilo, al via il processo a due maestre di Pontenuovo

Le insegnanti della materna inchiodate da alcuni filmati che le riprendono mentre schiaffeggiano, picchiano e insultano i piccoli

Prima udienza questa mattina davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina Simona Sergio del processo a carico di due maestre di una classe dell’asilo “Donna Caetani” di Pontenuovo, a Sermoneta, accusate di maltrattamenti sugli alunni.  

Alberta Tullio, 63 anni, di Latina Scalo, sospesa dall’insegnamento è accusata di maltrattamenti fisici e psichici in quanto avrebbe preso a schiaffi, sculacciato, tirato orecchie e capelli, dato dei pizzichi, strattonato, offeso con frasi di ogni genere e minacciato i bambini, tutti di età compresa tra i 3 e i 5 anni, mentre Fortunata D’Anna, 40 anni, deve rispondere soltanto di  abuso dei mezzi di correzione e disciplina: lei avrebbe strattonato i piccoli, pungendone uno con una matita ben temperata, tirando a un altro i capelli e approvando anche atti di violenza tra i bimbi.

Nell’udienza odierna il giudice ha respinto la richiesta di costituzione parte civile presentata dal Comune di Sermoneta mentre i genitori di tutti i bambini della classe, rappresentati dagli avvocati Valentina Macor, Fabrizio Cappio, Maria Belli, Carmela Massaro e Paolo Pasquali, sono stati ammessi come parti civili nonostante l’opposizione della difesa.

Il giudice Sergio ha inoltre ammesso le prove vale a dire i filmati che riprendono le due imputate all’interno dell’istituto scolastico mentre maltrattano i bambini ed ha rinviato al 18 dicembre prossimo quando saranno ascoltati i testi del pubblico ministero Simone Gentile, vale gli investigatori e i genitori dei piccoli studenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento