Sezze: cane chiuso in un sacchetto della spazzatura e gettato tra i rifiuti, ma si attende l'adozione per Vita

L'appello sulla pagina Facebook dell'Associazione Amici del cane di Latina. Gli animali abbandonati nelle campagne vicino la Migliara 46

Due cani abbandonati in mezzo ai rifiuti in una zona isolata in aperta campagna a Sezze. Uno era stato chiuso in un sacchetto della spazzatura e gettato via ed è stato ritrovato morto dai volontari dell'Associazione Amici del cane di Latina. Per lui nessuna speranza, come accaduto per la triste vicenda del cane Lucky, picchiato, chiuso in un sacchetto e poi gettato in un cassonetto a Latina ancora agonizzante. Il cane, in questo caso, non presenta segni di violenza ma non si esclude che possa essere stato avvelenato e poi gettato nel terreno all'incrocio con la Migliara 46.

cane abbandonato spazzatura 4-2

Ma nello stesso luogo è stata ritrovata un'altra cagnolina viva che scondinzolava accanto a lui e che gli è rimasta accanto per giorni, anche lei abbandonata in questa discarica abusiva nelle campagne. Chi l'ha trovata ha voluto chiamarla Vita e ora per lei si cerca un padrone che possa prendersene cura. Si tratta di una cagnolina di taglia media, al momento affidata a una volontaria a Sezze, che si è avvicinata affettuosamente a chi l'ha trovata e le ha offerto le prime cure. Su Facebook è stato lanciato un appello per adottarla. Chiunque fosse interessato può contattare questo numero 3491383010.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

Torna su
LatinaToday è in caricamento