La polizia sgombera le case occupate abusivamente da Travali

Blitz nel primo pomeriggio degli uomini della squadra mobile al lotto 46 in viale Nervi, al civico 318 e in via Virgilio, occupati dal giovane ricercato e da altri suoi familiari

Sono iniziati nel primo pomeriggio di oggi gli accertamenti degli uomini della squadra mobile sulle abitazioni popolari occupate abusivamente riconducibili ad Angelo Travali, il giovane ricercato per un estorsione a un imprenditore.

Nel corso delle verifiche effettuate per ricercare Travali, la Mobile ha messo in atto dei controlli accertando la natura abusiva di diverse residenze di edilizia residenziale pubblica.

Gli uomini coordinati dal vicequestore Tommaso Niglio hanno provveduto a sgomberare in totale quattro appartamenti, due di questi al lotto 46 di viale Nervi, nell'area dei cosiddetti "palazzoni". Si tratta di una casa occupata da Angelo Travali e un altro appartamento al piano superiore che, secondo quanto ricostruito, sarebbe stato ristrutturato per poi essere occupato.

Lo sgombero è stato effettuato in altre due case, al civico 318 di viale Nervi e in via Virgilio, appartamenti occupati abusivamente dai familiari del giovane attualmente ricercato che li ha sottratti ai legittimi assegnatari.

"Il provvedimento giudiziario - fanno sapere dalla Questura - si è reso necessario da una parte per porre termine ad una situazione di illecito diffusa, dall’altra per impedire che Angelo Travali, latitante, potesse trovare rifugio in detti immobili non formalmente riconducibili a quest’ultimo. Inoltre, nel corso delle attività di sequestro è emerso un ulteriore appartamento, sito al piano superiore a quello in cui viveva Travali Angelo con la coniuge ed i tre figli, nella disponibilità del predetto Travali. Pertanto anche questo è stato riconsegnato all’ATER, che ora potrà assegnarlo al legittimo avente diritto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli appartamenti sono stati sigillati murando l’entrata, mentre personale dell’Ater è stato nominato custode giudiziale degli immobili. Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal Gip del tribuinale di Latina Giuseppe Cairo su richiesta del sostituto procuratore Claudio De Lazzaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 227 i contagiati in provincia. Nel Lazio 173 casi positivi in un giorno

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus, è morto il Paziente 1 di Fondi: era uno dei partecipanti alla festa di Carnevale

  • Coronavirus Latina: 193 i casi positivi nella provincia pontina, 1540 in tutto il Lazio

  • Coronavirus Latina: 163 i contagi in provincia. Nel Lazio 1190 i casi positivi totali

  • Coronavirus Fondi: il termoscanner individua un positivo al Mof, 140 screening su casi sospetti

Torna su
LatinaToday è in caricamento