Clan Ciarelli, sgomberata un'altra villa: era stata già stata confiscata

L'immobile si trova in via Nicolai. Era di proprietà dello Stato ma ancora nella disponibilità della famiglia rom

Una nuova operazione di sgombero di un bene confiscato è stata portata a termine questa mattina dalla Questura di Latina. Si tratta di una villetta in via Nicolai, che era già stata oggetto di una confisca e che era entrata nel patrimonio dello Stato, gestito dall'Agenzia nazionale pr i beni confiscati alla criminalità organizzata. 

L'immobile era però ancora nelle disponibilità della famiglia Ciarelli. Lo sgombero ha richiesto un intervento interforze ed è stato programmato in sede di riunione del Nucleo di supporto per i beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, tenutasi in Prefettura alla presenza dei rappresentanti di polizia e carabinieri. Sotto il profilo della sicurezza pubblica, tutto si è svolto senza particolari problemi o difficoltà. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 26 novembre scorso un'analoga operazione aveva riguardato altri due villini rimasti nelle disponibilità del clan Ciarelli, rispettivamente in via Gran Sasso e in via Selene. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento