Casa popolare sequestrata al clan, assegnata alla famiglia avente diritto

L’abitazione di via Virgilio già sgomberata due volte nei mesi scorsi, ora vi si è insediata la famiglia assegnataria. Questura: “Un intervento particolarmente significativo che rappresenta una straordinaria attualità nella lotta alla criminalità”

Via Virgilio a Latina

E’ stata affidata alla famiglia avente diritto la casa di via Virgilio già sequestrata due volte perché occupata abusivamente da alcune persone appartenente ad un noto clan del capoluogo pontino.

Nella giornata di ieri, infatti, la polizia ha curato le operazioni definitive di sgombero dell’appartamento al civico 11 di di Via Virgilio, di proprietà dell’Ater.

L’immobile, già oggetto di sequestro effettuato il 21 agosto 2015, era stato nuovamente occupato abusivamente dalle stesse persone, appartenenti ad un noto clan del capoluogo, “escludendo - spiegano dalla Questura - così la possibilità che gli assegnatari aventi diritto potessero usufruire dell’immobile legittimamente attribuito”.

Da qui un secondo intervento degli uomini della Squadra Mobile che il 2 ottobre scorso, insieme al personale dell’Ater, sono tornati presso l’abitazione di Via Virgilio per dare esecuzione a nuovo provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Latina, nei confronti della stessa donna che, non curante del precedente provvedimento, si era di nuovo introdotta nell’appartamento, prendendone pieno possesso.

Appena terminate le operazioni di sgombero, l’Ater ha provveduto a sostituire la porta di ingresso ed ha così potuto far insediare immediatamente la famiglia assegnataria e avente pieno diritto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tale intervento, realizzato anche grazie alla completa collaborazione tra Questura, Magistratura e ATER - commentano ancora dagli uffici di corso della Repubblica -, è particolarmente significativo in quanto rappresenta una straordinaria attualità nella lotta alla criminalità, nell’ambito di una scelta strategica all’interno di un percorso di legalità che è stato intrapreso in maniera decisa in questa provincia”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus, 28 nuovi casi nel Lazio. Regione: “In provincia di Latina positiva una bambina”

Torna su
LatinaToday è in caricamento