“Sicuri sulla strada”, piccoli studenti a scuola dai vigili del fuoco

L'incontro degli alunni del V circolo con i vigili rientra nel progetto dell'assessorato alla Pubblica Istruzione per far conoscere loro le regole, i segnali e i pericoli della strada

“Sicuri sulla strada” è il progetto messo in campo dall’assessore alla Pubblica Istruzione Marilena Sovrani, dedicato ai bambini e concretizzato e proposto con il V Circolo didattico.

L’avvio dell’iniziativa è stato dato da due conferenze di servizio tra scuola, corpo dei vigili urbani, polizia stradale e vigili del fuoco, da interventi nelle sezioni delle scuole dell’infanzia coinvolte e uscite nel quartiere a cura degli agenti-istruttori dei tre corpi partner del progetto.

Grazie a tale collaborazione i piccoli hanno potuto conoscere le regole, i segnali, i rischi e i pericoli che si possono incontrare andando a piedi o in bicicletta o in auto con i genitori.

I 75 bambini della scuola dell’infanzia sono stati guidati dagli agenti di tutti i corpi in un percorso in cui si dovevano comprendere e rispettare una serie di indicazioni e di regole: le regole della strada, del rispetto di sé, degli altri e del contesto in cui si vive.

La prossima tappa è prevista per lunedì 2 aprile presso il comando dei vigili del fuoco per una mattinata dedicata all’educazione stradale a cui parteciperanno i piccoli alunni di 4-5 anni della sezione C della scuola dell’infanzia A.F. Celli e di 5-6 anni delle sezioni D-F della scuola dell’infanzia S. Aleramo.

“Il progetto- sostiene l’Assessore Sovrani- muove dalla necessità di favorire l’attenzione sui temi dell’educazione stradale fin da piccoli, coerentemente con le recenti norme che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha promulgato in merito e dalla consapevolezza che già nella primissima età si consolidano comportamenti corretti non per paura delle punizioni, ma attraverso la pratica del rispetto della regola vissuto come utile per sé e per gli altri. Semplici elementi di base su cui iniziare a costruire, dai quattro-cinque anni, la consapevolezza di essere parte di una collettività e di cosa voglia dire muoversi in sicurezza in un ambiente pubblico”.

Quello di lunedì è il penultimo step di un percorso che a fine maggio vedrà i bambini protagonisti di un evento conclusivo in piazza Moro durante il quale, partecipando a giochi e simulazioni, dimostreranno di praticare l’educazione stradale sia attraverso l’assunzione di comportamenti corretti che attraverso la conoscenza e il contatto con vigili urbani, poliziotti e vigili del fuoco ai quali, in caso di difficoltà, potranno-dovranno rivolgersi quali figure “amiche” preposte a dare aiuto e soccorso.

Presso il comando dei vigili del fuoco i bambini faranno esperienza pratica su come i tre corpi intervengono con i gli specifici mezzi, con tutte le loro caratteristiche, come ci si mette in contatto con le centrali operative e come si procede in alcune operazioni di soccorso.

Un percorso di educazione stradale nella scuola dell'infanzia rappresenta un'occasione educativa fondamentale per far comprendere che la strada è un luogo di traffico e di vita ma anche un luogo che presenta dei rischi e dei pericoli se non si rispettano corrette norme di comportamento. Da oggi i bambini educati in tal senso saranno “vigili” verso i loro genitori affinché questi rispettino le regole.

“Un ringraziamento particolare- continua l’Assessore Sovrani- al direttore del V Circolo Antonino Leotta alle insegnanti Carmen Bordignon, Maria Bottoni, Antonietta Capasso, Emilia De Nardis, Rossana Giovannelli, Sara Salvatore, Luigi Teseo promotrici del progetto, al personale del servizio Mobilità e del servizio Pubblica Istruzione, che con l’impegno profuso hanno reso possibile tale importante iniziativa”.
Nella giornata del 2 aprile sarà presente il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi, il presidente della Commissione Pubblica Istruzione Giorgio Ialongo,

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento