Al servizio della solidarietà, progetto di Dj Poppy per i bambini di Cuba

“Poppy sound por los ninos de Cuba” è il cd del dj pontino il cui ricavato della vendita sarà destinato interamente all’acquisto di attrezzature sportive da destinare ai bambini di Cuba

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Un aiuto ai bambini poveri di Cuba, attraverso le sonorità più belle di quella terra. L’idea parte dall’Italia, e da Latina per l’esattezza, per attraversare l’oceano ed approdare proprio in uno dei posti più caldi al mondo, con la volontà di offrire qualcosa che per molti coetani occidentali potrebbe essere scontato e banale, ma lì invece vale come l’oro: attrezzatura per giocare a calcio, dai palloni agli scarpini passando per una semplice rete.

Perché le intenzioni del progetto ideato da Poppy, alias Antonio Gargani, celebre dj nato e cresciuto nel capoluogo pontino ma emigrato all’estero per girovagare da una consolle all’altra, sono quelle di raccogliere fondi da destinare ai bambini sudamericani.

Il progetto si concretizza in “Poppy sound por los ninos de Cuba”, un cd di musica house con influenze latinoamericane il cui ricavato della vendita sarà destinato interamente all’acquisto di attrezzature sportive da destinare ai bambini di Cuba. L’intera parte artistica è curata da Antonio Poppy Gargani, con il supporto di Gino Gmasterdj Bertin per il supporto tecnico, audio e mixaggio, Fulvio Vignapiano per la parte grafica e Paolo Petrignani per le foto.

“E’ un progetto al quale sono molto legato e al quale ho pensato da svariato tempo – ha detto Poppy -. Ormai sono anni che lavoro in Sudamerica e vedere quotidianamente bambini in strada giocare davvero con il niente fa davvero male allo spirito. Quando invece sai che dall’altra parte del mondo i loro coetani vivono nel benessere più estremo. Da qui l’idea di dare vita ad una raccolta fondi attraverso quello che mi riesce meglio: la musica. Non solo gli amici italiani mi hanno supportato nel progetto, compresi i miei genitori che mi hanno sempre sostenuto, ma anche gli amici argentini e cubani. Infatti tra pochi giorni tornerò in Argentina dove aprirò i concerti di un big, come dj Oliveiro, in occasione di una tournée nata per promuovere il lancio di una nuova radio, Radio Nave Jungla, di Gustavo Setton. Si tratta di personaggi importantissimi della musica latinoamericana che stanno sostenendo e promuovendo la mia raccolta fondi, creando così un gemellaggio solidale tra l’Italia e il Sudamerica”.

Torna su
LatinaToday è in caricamento