Spaccio di droga, estorsioni e usura: 35 arresti tra Fondi e Terracina

Sgominato dai carabinieri una sorta di clan a conduzione familiare ma con affari d'oro: sequestrati terreni, abitazioni e attività commerciali. Gestivano il traffico di eroina e cocaina

Il maggiore Rinaldi, il colonnello De Chiara e il capitano Spadari

Gran parte dell’eroina e della cocaina che finiva sulle piazze di Fondi e Terracina passava per le loro mani. Con un nucleo fidato di pochi corrieri che da Roma trasportavano lo stupefacente arrivato dalla Spagna e sfruttando una rete di pusher sparsi per il territorio piazzavano chili di droga nel sud pontino. E all’alba di oggi le indagini dei carabinieri, che dal 2009 ad oggi avevano sequestrato vasti quantitativi di droga, hanno condotto all’arresto di 35 persone e al sequestro di beni, conti correnti, attività commerciali e società per un valore di circa 8 milioni di euro, nell'ambito dell'operazione denominata "San Magno".

Pesantissime le accuse accettate dal gip e formulate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Roma, che ha continuato il lavoro iniziato tre anni fa dai colleghi di Latina, i pm Raffaella De Pasquale e Cristina Pigozzo: a 24 dei 35 arrestati viene contestata addirittura l’associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti, oltre ai reati di detenzione e spaccio di stupefacenti, detenzione di armi comuni da sparo e da guerra e intestazione fittizia di beni. Quattro degli indagati - i veri e propri corrieri della droga - erano già in carcere, sedici sono finiti oggi ai domiciliari, mentre per una persona è stato predisposto solo l’obbligo di firma.

“Riteniamo di aver dato un duro colpo al traffico di stupefacente” afferma il maggiore Pierluigi Rinaldi, comandante del nucleo investigativo dei carabinieri di Latina. “La droga arrivava via nave dalla Spagna, più precisamente da Barcellona, sfruttando i mancati controlli dovuti al trattato di Schenghen – aggiunge il capitano Luigi Spadari – e finiva in parte sulla piazza di Roma e in parte tra Fondi e Terracina”.

A capo del gruppo criminale c’era Carlo Z., 51 anni, residente a Fondi ma di fatto domiciliato a Roma, nel lussuoso quartiere dei Parioli. Una parte degli affari con la polvere bianca venivano infatti portati avanti proprio nella Capitale. Nel sodalizio criminale era praticamente coinvolta tutta la sua famiglia, dalla moglie ai figli, che gestivano proprietà e conti correnti. “Un aspetto interessante - sottolinea il colonnello Giovanni De Chiara, comandante provinciale dei carabinieri - è il fatto che il gruppo criminale assisteva economicamente le famiglie delle persone che finivano in carcere, così come succede nelle organizzazioni mafiose”.

Nel corso delle indagini gli uomini dell’Arma hanno provveduto a sequestrare 14 kg di cocaina, 50 di hashish,  100 grammi di eroina, un mitra e due pistole con matricola abrasa. Confiscato anche un ingente patrimonio di beni: 16 abitazioni, un albergo bed & breakfast a Fondi, 3 terreni, 8 società di rivendita auto e autoscuola, 12 conti correnti e vari libretti risparmio, 3 polizze vita, varie auto e moto.

Per Carlo Z. è scattata inoltre l’accusa di estorsione e usura, formulata dal pm Raffaella Falcione e convalidata dal gip Costantino De Robbio. Gli accertamenti condotti dagli uomini del nucleo operativo di Formia, diretti dal comandante Pasquale Saccone, hanno fatto emergere almeno due casi in cui il denaro accumulato dal sodalizio criminale è stato “reinvestito” nel prestito a strozzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri hanno accertato l’episodio di un imprenditore di Formia a cui furono prestati ben 500mila euro in due tranche con tassi d’interesse al 132%: l’uomo doveva restituire il prestito con interessi per 11mila euro ogni mese. Dopo le minacce e un avvertimento a colpi di pistola, l’uomo si è deciso a denunciare il fatto permettendo di incriminare l’estortore. Un caso analogo ha riguardato un imprenditore di Roma. “Non riceviamo molte denunce per casi di estorsione e usura – ne ha approfittato per lanciare un appello il comandante De Chiara – il nostro invito è a una sempre maggiore collaborazione delle forze produttive”.

LE PAROLE DEL COLONNELLO DE CHIARA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

  • Fiumi di droga dalla Spagna al sud pontino: 22 arresti. Armi e bombe per eliminare i rivali

  • Coronavirus Latina: nessun caso in provincia, 9 nel Lazio. Attenzione puntata sui voli internazionali

  • Operazione antidroga dei carabinieri nel sud pontino: 22 in manette. I nomi degli arrestati

  • Coronavirus: due nuovi casi e un decesso in provincia. Vietato abbassare la guardia

Torna su
LatinaToday è in caricamento