Ancora spari contro un migrante con un'arma ad aria compressa: indagano i carabinieri

L'episodio si è verificato nella tarda serata di ieri a Terracina. Vittima un operaio indiano di 40 anni che percorreva la Pontina in bicicletta

Un altro cittadino straniero è rimasto vittima di colpi esplosi da un'arma ad aria compressa. Si tratta del terzo episodio che si registra in provincia, dopo i casi di Latina Scalo e di Aprilia solo qualche giorno fa. Questa volta è accaduto nella zona di Terracina. Vittima un operaio indiano di 40 anni, che nella tarda serata di ieri percorreva la Pontina in sella alla sua bicicletta all'altezza di via Badino vecchia.

In quel momento lo straniero è stato raggiunto da tre pallini, esplosi verosimilmente da un'arma ad aria compressa. L'autore, secondo quanto ha raccontato la vittima, era uno sconosciuto che si trovava a bordo di un'utilitaria. 

Il cittadino indiano ha fatto ricorso alle cure dei sanitari ed ha riportato abrasioni all'addome, giudicate guaribili in 2 giorni. Questa mattina l'uomo ha denunciato l'accaduto ai carabinieri e i militari hanno immediatamente avviato le indagini per risalire al responsabile del gesto, come già avvenuto nei due casi precedenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Perdono il posto di lavoro: licenziate dopo 20 anni per "mancato superamento del periodo di prova"

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Accoltellato alla giugulare: salvato dalla Stradale sulla Pontina e soccorso dall'eliambulanza

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

Torna su
LatinaToday è in caricamento