Tentarono la rapina in banca a Sperlonga, condannati a due anni e mezzo

I due ragazzi erano entrati armati di taglierino ma poi erano dovuti scappare senza prendere il denaro

Sono stati condannati a due anni e sei mesi di reclusione i due ragazzi che nel novembre dello scorso anno avevano tentato una rapina al Monte dei Paschi di Siena di Sperlonga non riuscendo a portare a termine il colpo per l’arrivo delle forze dell’ordine.

Francesco Marano e Castrese Napolano, entrambi 19enni, sono comparsi questa mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale Giuseppe Cario per rispondere di tentata rapina e lesioni.

I due, con il volto coperto, erano entrati nella sede dell’istituto bancario e avevano minacciato i clienti e i dipendenti con un taglierino costringendoli a sdraiarsi a terra ma prima di riuscire a prendere il denaro dalla cassaforte erano dovuti scappare per l’arrivo dei carabinieri. In realtà erano stati arrestati il giorno successivo.

Nell’udienza di questa mattina la difesa ha chiesto il patteggiamento della pena, richiesta accolta dal gup che li ha condannati a due anni e mezzo ciascuno con la sospensione condizionale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento