Tentarono la rapina in banca a Sperlonga, condannati a due anni e mezzo

I due ragazzi erano entrati armati di taglierino ma poi erano dovuti scappare senza prendere il denaro

Sono stati condannati a due anni e sei mesi di reclusione i due ragazzi che nel novembre dello scorso anno avevano tentato una rapina al Monte dei Paschi di Siena di Sperlonga non riuscendo a portare a termine il colpo per l’arrivo delle forze dell’ordine.

Francesco Marano e Castrese Napolano, entrambi 19enni, sono comparsi questa mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale Giuseppe Cario per rispondere di tentata rapina e lesioni.

I due, con il volto coperto, erano entrati nella sede dell’istituto bancario e avevano minacciato i clienti e i dipendenti con un taglierino costringendoli a sdraiarsi a terra ma prima di riuscire a prendere il denaro dalla cassaforte erano dovuti scappare per l’arrivo dei carabinieri. In realtà erano stati arrestati il giorno successivo.

Nell’udienza di questa mattina la difesa ha chiesto il patteggiamento della pena, richiesta accolta dal gup che li ha condannati a due anni e mezzo ciascuno con la sospensione condizionale.  

Potrebbe interessarti

  • Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

  • Saldi estivi 2019, manca poco al via. Ecco quando iniziano a Latina e nel Lazio

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Latina, la Diocesi comunica le nuove nomine dei parroci e i trasferimenti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare sfiorata a Cisterna: madre e figli salvati dalla polizia

  • Ex lavoratore Meccano suicida a Cisterna, la rabbia degli amici e colleghi

  • Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

  • Saldi estivi 2019, manca poco al via. Ecco quando iniziano a Latina e nel Lazio

  • Terribile incidente sulla Pontina, ferito un motociclista: atterra l'elisoccorso

  • Tragedia a Formia: un ragazzo muore annegato mentre fa il bagno

Torna su
LatinaToday è in caricamento