San Benedetto, stage di pasticceria con il maestro da Guinnes Maurizio Scardascia

Lezione speciale per gli studenti dell'istituto di Borgo Piave con il maestro pasticcere che nel 2015 ha fatto parte della rappresentativa italiana che, col patrocinio di Expo, ha ottenuto il Guinness per la torta scolpita più grande del mondo

Stage di pasticceria con un maestro d’eccezione per gli studenti dell’Istituto San Benedetto. Il corso mattutino di orientamento formativo sul tema “Il Temperaggio del Cioccolato” è indirizzato agli alunni delle classi quarte dell’Alberghiero,  articolazione Cucina. 

Per loro un docente d’eccezione: il maestro pasticcere Maurizio Scardascia, che nel 2015 ha fatto parte della rappresentativa italiana che, col patrocinio di Expo, ha ottenuto il Guinness per la torta scolpita più grande del mondo, delle dimensioni da record di 224 metri quadrati. 

L’attività si svolge nel laboratorio di pasticceria e si articola in cinque incontri con altrettante classi quarte, per concludersi il  21 febbraio con una sintesi dell’esperienza e la compilazione del questionario di gradimento. 

Promosso dalla professoressa Laura Cogrossi, referente della Presidenza per l’orientamento in uscita, lo stage è coordinato dal prof. Alfonso Lanza e coinvolge i docenti Antonio Capirchio,  Arianna Celoro, Rosa Napolitano e Vincenzo Rizzi. Sponsor tecnico dell’iniziativa, Pavoni Italia, industria produttrice di attrezzature per la pasticceria.  

“Attorniato dagli studenti - raccontano dall’Istituto di Borgo Piave -, Scardascia, in tenuta da maestro pasticcere, si concede una pausa per rispondere alle nostre domande.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come vivi questa esperienza da docente dopo tanti successi professionali?
‘E’ una bella iniziativa. I ragazzi sono puntuali ed interessati, forse perché si rendono conto che si tratta di esperienze fondamentali per la loro qualificazione professionale. Fanno tante domande, vogliono imparare in fretta’.
Perché avete puntato sul tema del temperaggio del cioccolato?
‘Innanzitutto perché l’esperienza si concluderà in prossimità del periodo di Pasqua, per cui gli studenti avranno subito la possibilità di mettere a frutto l’esperienza acquisita nelle tradizionali realizzazioni di pasticceria per il punto vendita interno’.
Quanto è importante, dal tuo punto di vista di imprenditore, che i ragazzi degli istituti professionali facciano esperienze sul campo nell’oraio curricolare?
‘Fondamentale direi, dal momento che nella professione non ci si improvvisa'. 
Cosa ti ha lasciato in termini professionali l’esperienza della torta da Guinness?
‘E’ stata una sfida avvincente ed anche un’importante occasione di confronto professionale. Eravamo tutti motivati, consapevoli di difendere i colori dell’Italia a livello internazionale’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • San Felice Circeo, stagione balneare al via ma solo per prendere il sole: vietato il bagno in mare

Torna su
LatinaToday è in caricamento