Strage di Cisterna, le parole di Antonietta: "La mia vita oggi qui è un miracolo"

La donna, unica sopravvissuta della tragedia per mano dell'ex marito Luigi Capasso, ha affidato il suo messaggio alla comunità religiosa Gesù risorto di cui fa parte

"Oggi voglio ringraziare ognuno di voi per le preghiere e per l'amore. La mia vita oggi qui è un miracolo. E ringrazio Dio ogni istante". Sono le parole di Antonietta Gargiulo, unica sopravvissuta della strage di Cisterna per mano del suo ex marito, il carabiniere Luigi Capasso, che ha ferito gravamente lei e ucciso le due figlie Alessia e Martina prima di togliersi la vita. Antonietta, ora in riabilitazione dopo essere stata dimessa dall'ospedale, ha affidato le sue parole ad un messaggio che è stato pubblicato dalla comunità religiosa di cui fa parte, Gesù Cristo Risorto.

Il messaggio di Antonietta alla comunità religiosa. L'audio

"Il vero miracolo ancora - ha proseguito la donna - è l'amore che ha circondato me e soprattutto le mie bambine. Il vero miracolo è che l'odio, il male e il rancore non hanno vinto nei nostri cuori". La donna ringrazia la sua famiglia e tutte le persone che le sono state vicine e invita tutti a continuare a pregare per lei, annunciando la sua partecipazione al prossimo convegno della comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento