Battaglia di Cisterna: studenti americani ad Isolabella dove persero la vita 700 Rangers

L’associazione “Il fronte a Cisterna” ha accolto i ragazzi del John Felice Rome Center, distaccamento della Loyola University of Chicago, illustrando loro i luoghi della drammatica battaglia dopo lo sbarco di Anzio

Giornata speciale ieri a Cisterna dove in località Isolabella hanno fatto tappa, come ogni semestre, gli studenti del John Felice Rome Center, un distaccamento della Loyola University of Chicago, nell’ambito del "ww2 trip".

Accompagnati dal professor Philip R. O'Connor, Ph.D Proactive Strategies, gli studenti hanno svolto una sorta di pellegrinaggio nei luoghi di battaglia all’indomani dello sbarco di Anzio-Nettuno, nota come operazione Shingle, avvenuto il 22 gennaio 1944.

Tappa imprescindibile sono le colonne di Isolabella che, con i loro fori di proiettili ancora presenti e visibili, sono testimonianza e monumento della drammatica Battaglia di Cisterna, avvenuta tra il 29 e 30 gennaio. Quella tragica notte solo 6 dei 767 uomini del 1st e 3rd Ranger Battalion riuscirono a scampare all’agguato teso dalle truppe tedesche. Tutti gli altri persero la vita o caddero prigionieri.

A ricordare questo drammatico evento agli studenti americani e ad illustrare i luoghi in cui avvenne la battaglia sono stati  Stefano Solferini e Cristian De Carolis dell'associazione "Il Fronte a Cisterna" con il supporto di Carlo Perinelli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Gli abbiamo spiegato gli avvenimenti dell'epoca, in particolare della battaglia dei Rangers – spiega Solferini -. Poi abbiamo illustrato l’attività che svolge la nostra associazione e, come ogni volta, abbiamo riscontrato grande attenzione e interesse da parte degli studenti. Per rendere ancora più impresso ed emozionante il ricordo di questa visita nei luoghi in cui si è svolto un capitolo importante della Storia mondiale, abbiamo dato in omaggio alcuni reperti bellici rinvenuti durante le nostre ricerche sul territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus, 28 nuovi casi nel Lazio. Regione: “In provincia di Latina positiva una bambina”

  • Terracina: rissa tra una ventina di giovani in un ristorante, arriva la polizia. Sei denunce

Torna su
LatinaToday è in caricamento