“Aprilia Raccontami 2”, il libro sulla storia della città realizzato dai piccoli alunni

Gli studenti della Scuola dell'Infanzia e Primaria dell'istituto comprensivo Antonio Gramsci hanno incontrato il sindaco Terra per presentare la seconda edizione del libro realizzato dalla scuola

Sono stati gli stessi piccoli studenti a presentare al sindaco Antonio Terra “Aprilia Raccontami 2”. 

Questa mattina una delegazione di alunni e insegnanti della Scuola dell’Infanzia e Primaria dell’istituto comprensivo Antonio Gramsci ha infatti incontrato il primo presso i suoi uffici nella sede municipale di Piazza Roma.

L’occasione era la presentazione di “Aprilia Raccontami 2”, la seconda edizione del libro realizzato dalla scuola che ha per protagonista Rondino, un personaggio di fantasia che richiama già nel nome la rondine simbolo della Città e che attraversa il territorio comunale alla scoperta di luoghi e monumenti caratteristici.

L’iniziativa è stata promossa per la ricorrenza dell’80esimo Anniversario della Fondazione.

Il Sindaco Antonio Terra ha espresso parole di soddisfazione per “l’importante lavoro didattico portato avanti dai plessi scolastici all’insegna della riscoperta della storia del territorio pontino ed apriliano con metodi di insegnamento sempre più multimediali e vicini all’esperienza dei più giovani, auspicando che il progetto legato a Rondino possa evolversi e, partendo dall’istituto Gramsci, assurgere a nuovo simbolo dell’intera fascia di popolazione in età scolare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul lavoro in un'azienda di Sermoneta: un operaio resta ustionato

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Guida Michelin 2020: c'è l’Acqua Pazza di Ponza tra i ristoranti “stellati” del Paese

  • Spaccio a piazza Moro, Girondino condannato a tre anni e mezzo di carcere

  • Incendio ed esplosione in un capannone a Sabotino: intervengono i vigili del fuoco

Torna su
LatinaToday è in caricamento