Stupro a Rimini, l'uomo denunciato anche a Terracina nel '99 per violenza su minore

Il cittadino originario del Bangladesh arrestato sulla riviera romagnola nei giorni scorsi. Aveva altre denunce analoghe anche sul territorio pontino

Era stato denunciato altre volte il cittadino bengalese di 37 anni arrestato nei giorni scorsi per la violenza sessuale su una turista danese avvenuta a Rimini. La Questura romagnola ha verificato che a carico dell'uomo c'erano tre pregresse denunce per lo stesso reato, una delle quali risalente al 1999 presentata nella città di Terracina. La violenza avvenuta in provincia di Latina era ai danni di un minorenne. 

Secondo gli archivi della polizia, lo straniero avrebbe avvicinato una bambina di 11 anni in spiaggia, nei pressi di uno stabilimento balneare, e le avrebbe messo le mani addosso. L'uomo faceva il venditore ambulante e ogni giorno girava in spiaggia. L'episodio successivo risale invece al 2004, denunciato a Terni e il terzo ancora a Rimini risalente al 2006. 

A Terracina l'uomo era stato messo in fuga dalle urla della ragazzina ma era stato poi fermato dalla polizia.

Potrebbe interessarti

  • Sperlonga: una statua di sabbia e due palloni rossi giganti per l'uscita di "IT Capitolo Due"

  • Per Ferragosto la tradizionale processione della Madonna Stella Maris, ma non in mare

  • Nuova disinfestazione contro le zanzare a Latina: tutte le date e le zone interessate

  • Sabaudia smart beach, rivoluzione sul lungomare: “Più sicuro e a portata di click”

I più letti della settimana

  • Ferragosto 2019: gli eventi del 15 agosto a Latina e nella provincia pontina

  • Incidente stradale a Perugia, muore un 48enne di Latina

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Cisterna, panico dopo la festa di San Rocco: ruba un'auto e a folle velocità attraversa l'isola pedonale

  • Incidente sulla Frosinone-Mare, si aggrava il bilancio delle vittime: muore anche Elisa Sperduti

  • Controlli del Nas negli alloggi per anziani: chiuse tre strutture a Sezze

Torna su
LatinaToday è in caricamento