Tassa sui loculi, nuova protesta in piazza. Gettata acqua su due agenti e Maietta

Sono scesi di nuovo in piazza i cittadini guidati dal movimento 9 Dicembre - Forconi. Momenti di tensione quando uno dei manifestanti ha rovesciato dell'acqua all'indirizzo dell'onorevole di Fratelli d'Italia e di due uomini della Digos

(foto postata sulla pagina facebook del movimento 9 Dicembre – Forconi)

Sono scesi di nuovo in piazza questa mattina contro quella che chiamano la “tassa sul morto”.

I cittadini, guidati dal movimento 9 Dicembre – Forconi e dall’associazione familiari vittime della strada, si sono riuniti in piazza del Popolo ricoperta da decine di croci in legno con cui i manifestanti hanno dato vita ad una sorta di cimitero simbolico.

La protesta di questa mattina arriva ad una settimana dal presidio iniziato lo scorso giovedì proprio nel cimitero di Latina. Quello che chiedono al sindaco è l’eleminazione della tassa sui loculi, quei 15 euro per la manutenzione del cimitero la cui sospensione è stata approvata la settimana scorsa dalla giunta comunale. Decisione che non ha arrestato la protesta dei Forconi che invocano le dimissioni del primo cittadino.

SECCHIATA D’ACQUA ALL’ONOREVOLE MAIETTA - E momenti di tensione sono stati vissuti questa mattina durante la manifestazione. Nel corso della mobilitazione, infatti, l’onorevole di Fratelli d'Italia Pasquale Maietta, affiancato anche da due agenti della Digos, si è avvicinato ai manifestanti per dialogare con loro.

Fino a quando uno di loro, in segno di protesta, non ha rovesciato dell’acqua bagnando sia Maietta che i due operatori della polizia. Prontamente identificato l’uomo è stato accompagnato in Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Camionista di Sezze denunciato dai carabinieri a Pordenone: guidava in stato di ebbrezza

Torna su
LatinaToday è in caricamento