Il teatro D’Annunzio chiuso ancora una volta: nuovi lavori di messa in sicurezza

L’assessore Di Francia annuncia la chiusura temporanea del teatro di Latina, alcuni spettacoli saranno ospitati dal Teatro Moderno e altri posticipati, in attesa della conclusione dei lavori prevista per febbraio

Nuovi aggiornamenti sullo stato dei lavori di manutenzione del D’Annunzio: contrariamente a quanto comunicato nelle settimane precedenti, alcune delle prescrizioni dei Vigili del Fuoco, affinché il teatro principale della città di Latina torni ad essere agibile e sicuro, hanno richiesto ulteriori lavori, di conseguenza rimarrà chiuso per qualche tempo.

Gli spettacoli in cartellone ospitati dal Moderno

Lo ha comunicato nel pomeriggio di oggi, 19 novembre, l’assessore alla Cultura Silvio Di Francia convocando la stampa al Palazzo della Cultura. L’assessore, spiegando la situazione, ha annunciato che lo spettacolo di sabato prossimo, 24 novembre, Squalificati con Stefania Rocca e quello del 10 gennaio, Dochisci@tte con Alessandro Benvenuti, saranno ospitati dal Teatro Moderno di Latina, mentre lo spettacolo di Ascanio Celestini, Pueblo, in programma per il 16 dicembre sarà posticipato a data da definirsi. Il resto della programmazione non dovrebbe subire variazioni. Partiranno quanto prima le comunicazioni agli abbonati, Il Teatro Moderno garantisce la capienza anche per tutti coloro che hanno già acquistato il biglietto.

Le condizioni del teatro

Erano 45 le prescrizioni dei vigili del fuoco da assolvere affinché fosse certificata l’agibilità e la sicurezza del teatro. Molti dei problemi dovuti alla mancanza di manutenzione ordinaria protratta per anni sono stati risolti, tra questi il tanto agognato impianto di riscaldamento che proprio in questi giorni è stato testato positivamente. Altri problemi, che si sono aggravati con il maltempo degli inizi di novembre, hanno bisogno di lavori più impegnativi per cui l’Assessore ha deciso di chiudere il teatro per garantire l’incolumità di spettatori e compagnie teatrali.

La decisione dell’assessore alla Cultura di Latina

Di Francia si rammarica di quanto accaduto, prendendosi la responsabilità dei disagi causati agli abbonati e a quanti hanno già acquistato i biglietti per gli spettacoli in cartellone. Le previsioni sulla chiusura dei lavori forse erano state troppo ottimistiche e in questi giorni è stata presa una decisione sofferta, ma obbligata per la salvaguardia della sicurezza degli spettatori. In questo senso anche i locali dell’Ufficio Scuola sono stati chiusi al pubblico. Silvio Di Francia ha ringraziato la direzione del Teatro Moderno, che ha risposto positivamente alla richiesta di ospitalità, garantendo lo svolgimento della programmazione senza ulteriori intoppi.

Il futuro del teatro D’Annunzio

Silvio Di Francia ha ipotizzato la riapertura a pieno ritmo del D’Annunzio per il mese di febbraio, e tutta la programmazione dei mesi successivi non dovrebbe subire variazioni. È in preparazione anche una gara d’appalto per la manutenzione ordinaria dell’edificio, che ovvierà nel futuro a queste incresciose situazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

  • Fiumi di droga dalla Spagna al sud pontino: 22 arresti. Armi e bombe per eliminare i rivali

  • Coronavirus Latina: nessun caso in provincia, 9 nel Lazio. Attenzione puntata sui voli internazionali

  • Operazione antidroga dei carabinieri nel sud pontino: 22 in manette. I nomi degli arrestati

  • Coronavirus: due nuovi casi e un decesso in provincia. Vietato abbassare la guardia

Torna su
LatinaToday è in caricamento