Tenta di violentare una casalinga, in manette un postino a Minturno

Il 50enne da mesi si faceva avanti con complimenti e proposte. Fino al gesto violento; fortunatamente la donna liberatasi dalla morsa dell'uomo è riuscita ad allertare i carabinieri

All’inizio erano solo complimenti, ma poi il suo interesse nei confronti della donna si è fatto più insistente fino al tentativo di violenza di qualche giorno fa che gli è costato le manette.

La vittima è una casalinga di 38 anni di Minturno che per giorni, fino al drammatico epilogo, è stata oggetto delle avances di un postino, un 50enne residente in provincia di Caserta, che tutte le mattine le consegnava la posta.

Da qualche mese l’uomo aveva cominciato a farsi avanti con proposte e complimenti nei confronti della donna; un giorno aveva anche cercato di baciarla.

Poi due giorni fa il gesto violento. Si era recato dalla casalinga per consegnargli una raccomandata quando poi l’ha spinta nel vano scale del condominio per poi immobilizzarla con le spalle contro il muro. A quel punto ha iniziato a toccarla.

Ma la donna alla fine è riuscita a liberarsi dalla morsa dell’uomo e a rifugiarsi in casa. È qui che ha allertato i carabinieri della compagnia di Formia che, diretti dal maggiore Pasquale Saccone, sono immediatamente intervenuti sul posto.

Raggiunto il condominio i militari hanno individuato il postino che indossava l’uniforme di servizio. Per lui sono subito scattate le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

Torna su
LatinaToday è in caricamento