Tentato furto al Postamat di Aprilia, la sede riaprirà l’11 giugno

Nella notte dei malviventi hanno fatto esplodere il banco posta, ma l’allarme lanciato dai residenti ha fatto saltare il colpo. A causa dei danni l’ufficio rimarrà chiuso per alcuni giorni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Si trasmette la nota indirizzata al Sindaco f.f. di Aprilia Antonio Terra da parte dell’Ufficio Postale Aprilia 1, relativamente al tentativo di furto della scorsa notte, con preghiera di diffusione.

“Poste Italiane comunica che, nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 giugno, lo sportello automatico Atm Postamat dell’Ufficio Postale di Aprilia 1 (via Lussemburgo) è stato oggetto di un tentativo di scasso che ha provocato un piccolo incendio all’interno dei locali dell’ufficio.

Anche se limitato per intensità ed estensione, tanto che non si registrano danneggiamenti ai valori e alla documentazione conservata negli spazi interni, le conseguenze dell’incendio hanno comunque reso impossibile riprendere stamattina la regolare operatività dell’Ufficio Postale di via Lussemburgo.

La Filiale di Latina si è immediatamente attivata inviando sul posto dei tecnici che sono già al lavoro per garantire la riapertura della sede, secondo i consueti orari, già dal prossimo lunedì 11 giugno.

Poste Italiane inoltre, per limitare al minimo i disagi, ha potenziato l’Ufficio Postale di Aprilia Centro (via dei Lauri) e messo a disposizione della clientela dell’ufficio di via Lussemburgo uno sportello dedicato dove è possibile la riscossione delle pensioni del mese di giugno ed effettuare tutte le altre eventuali operazioni postali e BancoPosta.
L’azienda ha anche provveduto ad abilitare l’Ufficio PosteImpresa di via Goito presso il quale, in alternativa all’Ufficio Postale centrale, i cittadini potranno accedere a tutti i servizi e prodotti offerti da Poste Italiane ad eccezione della riscossione della pensione”.

Torna su
LatinaToday è in caricamento