Maxi confisca di beni ai clan rom: l'operazione arriva anche a Terracina

Il provvedimento eseguito dalla Guardia di finanza del comando di Frosinone nei confronti di componenti delle famiglie De Silvio-Spada

Un patrimonio del valore di 1,3 milioni di euro è stato confiscato alle famiglie del clan De Silvio-Spada dalla Guardia di Finanza di Frosinone. Si tratta in particolare di tre ville, 12 veicoli, alcuni dei quali di lusso, e poi conti correnti, unità immobiliari e terreni ubicati nelle città di Frosinone, Ferentino e anche Terracina.

Come riporta Frosinone Today, l'attività è coronamento della precedente operazione "Life Rocking" condotta dagli stessi investigatori nel 2012, quando vennero arrestati i componenti delle due famiglie rom e i loro fiancheggiatori, considerati responsabili di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare crack che vedeva come acquirenti molti giovani della provincia ciociara. Il provvedimento di confisca è stato eseguito dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone, a seguito di un'articolata attività investigativa di polizia giudiziaria coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma e a conclusione di accertamenti sotto il profilo economico-finanziario, eseguendo un provvedimento del Tribunale di Frosinone con il quale è stata disposta la confisca dei beni e di ingenti risorse finanziarie e l'applicazione di sette misure di sicurezza della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, nei confronti di altrettanti esponenti del clan-

Le investigazioni del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria sono state condotte attraverso mirati accertamenti bancari e patrimoniali che hanno permesso di ricostruire l'evoluzione dell'intero patrimonio immobiliare e mobiliare acquisito nel corso dell'ultimo ventennio. Tutte le risorse finanziarie e i beni immobili erano stati già sottoposti a sequestro di prevenzione nel luglio dello scorso anno dalle Fiamme Gialle. Il tribunale di Frosinone, a maggio del 2016, aveva condannato sette componenti delle due famiglie per i reati di traffico e spaccio di droga, riconoscendo per quattro di loro l'associazione a delinquere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

Torna su
LatinaToday è in caricamento