Omicidio del boss Gaetano Marino: un pentito di camorra patteggia la pena

Pasquale Riccio, collaboratore di giustizia, è stato condannato a sei anni e otto mesi dalla Corte d'Assise d'Appello di Roma. Il delitto del boss sul lungomare ad agosto del 2012

Ha patteggiato la pena a sei anni e otto mesi Pasquale riccio, 44 anni, collaboratore di giustizia napoletano, accusato di complicità nell'omicidio del boss di camorra Gaetano Marino, ucciso a colpi di pistola sul lungomare di Terracina ad agosto del 2012. La sentenza arriva dalla Corte d'assise d'Appello di Roma e accoglie di fatto il patteggiamento concordato tra Procura e difesa dell'imputato. In primo grado Riccio era stato condannato a 10 anni di reclusione dopo un processo celebrato con rito abbreviato che riconobbe all'imputato l'attenuante della collaborazione con la giustizia. 

Il 23 agosto del 2012 Gaetano Marino, boss del clan degli scissionisti, era stato freddato con alcuni colpi di arma da fuoco esplosi in pieno giorno sul litorale di Terracina. Le successive indagini sull'omicidio portarono nel 2017 a diversi arresti eseguiti dalla squadra mobile di Latina e da quella di Roma. Il movente fu rintracciato proprio nella faida di Scampia. 

Pasquale Riccio è ritenuto dall’accusa colui che aveva avuto l’incarico di attendere l’esecuzione dell’omicidio per poi "ripulire" l’abitazione utilizzata come base logistica e nascondere le armi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: come candidarsi

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Preso con 30 chili di droga confessa al giudice: "La trasportavo per conto di altre persone"

  • Maxi furto in gioielleria con la figlia: arrestata ladra seriale ricercata dalla polizia

  • In auto con 30 chili di droga: corriere fermato a Terracina e arrestato

  • Processo Arpalo, in una pen drive le prove del riciclaggio di denaro di Maietta e soci

Torna su
LatinaToday è in caricamento