Terremoto Emilia, Api: “Latina si stringa attorno alle città colpite”

Il coordinatore di Api Latina Sabrina Marangon: “Il terremoto che ha colpito le provincie di Modena, Ferrara e Bologna non è “dell’Emilia Romagna” ma il terremoto di tutti noi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

“Sento il dovere di sostenere con forza l’appello della nostra Coordinatrice Nazionale Elena Torri rivolto a tutti i cittadini privati, ai soggetti economici ( privati e pubblici) e alle Istituzioni di aiutare, con il grande spirito di solidarietà che gli Italiani hanno sempre saputo dimostrare, queste popolazioni colpite da un sisma molto grave che ha messo in ginocchio un’intera regione.

“La mia regione - ci comunica la Torri - sta dimostrando tanta dignità nell’affrontare questa disgrazia ma le popolazioni delle provincie di Modena, Ferrara e Bologna hanno bisogno di aiuto. La gente emiliana mantiene il sorriso, ma la situazione è davvero penosa. Tante persone hanno perso tutto ed i sismologi prevedono ulteriori scosse di elevata magnitudo”.

Per i cittadini e i soggetti economici privati le possibilità sono le seguenti:

- versamento sul c/c postale n. 367409 intestato a: Regione Emilia-Romagna -Presidente della Giunta Regionale - Viale Aldo Moro, 52 - 40127 Bologna;
- bonifico bancario alla Unicredit Banca Spa Agenzia Bologna Indipendenza - Bologna, IBAN coordinate bancarie internazionali: IT – 42 - I - 02008 - 02450 - 000003010203;
- versamento diretto presso tutte le Agenzie Unicredit Banca Spa sul conto di Tesoreria 1 abbinato al codice filiale 3182.

Chiedo poi in modo particolare a tutti i nostri amministratori (comunali, provinciali, regionali) di proporre alle istituzioni a cui appartengono di contribuire, utilizzando il conto previsto per gli Enti pubblici, con l’accreditamento sulla contabilità speciale n. 30864 accesa presso la Banca d'Italia - Sezione Tesoreria di Bologna.

In tutti i casi (privati ed Enti pubblici) il versamento dovrà essere accompagnato dalla causale: Contributo per il terremoto 2012 in Emilia-Romagna.

Il terremoto che ha colpito le Provincie di Modena, Ferrara e Bologna non è il terremoto “dell’Emilia Romagna” ma il terremoto di tutti noi. Le ripercussioni economiche di quanto avviene in Emilia si sentiranno nell’economia di tutto il paese ed è pertanto “dovere” di tutti i cittadini dare il proprio contributo.

Quanto più riusciremo a fare, anche attraverso un contributo economico, ma non solo e di questo si parlerà anche nei prossimi giorni attraverso altre iniziative che stiamo studiando di mobilitazione e solidarietà nell’interesse comune, tanto più sapremo di aver fatto tutto il nostro possibile e che se domani dovesse toccare ai nostri territori, altrettanti italiani si stringeranno attorno a noi.

Questo deve essere lo spirito di collettività che unisce un paese dove non ci sono confini, non ci sono barriere, non ci sono lotte intestine tra regioni e regioni e differenze culturali e razziali.

L’appello è rivolto a tutti, indistintamente, cittadini italiani comunitari e extracomunitari, nel limite delle capacità di ciascuno.

Un sincero ringraziamento a tutti”.

Lo dichiara in una nota Sabrina Marangon, coordinatrice Api Latina e membro della consulta nazionale Pari Opportunità dell’Api.

Torna su
LatinaToday è in caricamento